Bollette e qualità della vita

L’aumento del costo dell’energia non crea problemi solo alle imprese, molte delle quali hanno ricevuto bollette insostenibili per il loro business, oppure alle famiglie, ma rischia di compromettere la qualità della vita nei centri abitati, specialmente per le persone più anziane.

Il Governo finora non ha provveduto in modo adeguato alla sostenibilità dei costi aumentati per i piccoli esercizi commerciali, a partire dai negozi di alimentari che vendono prodotti di prima necessità (pane, pasta, latte, ecc), per i quali un incremento così forte e repentino del prezzo dell’energia porta in negativo il bilancio di fine mese.

Il rischio di chiusura per questi esercizi di vicinato è altissimo, e comporta non solo la desertificazione delle vie, con conseguente riduzione della sicurezza e della vivibilità dei luoghi, ma è anche un forte problema per gli anziani che si muovono solo a piedi nel loro quartiere.

Le persone anziane, che fanno la spesa abitualmente nei piccoli negozi di zona siti nelle vicinanze della propria abitazione, di cui spesso sono clienti da decenni e con i quali si è instaurato un rapporto di conoscenza che va ben oltre la mera vendita, subiscono un danno enorme.,  Con la chiusura di questi esercizi, essi debbono andare ad una distanza di 3 o 4 km della propria abitazione, quindi guidando l’auto oppure utilizzando i mezzi pubblici, spesso non frequenti. Le difficoltà per queste persone sono plurime, a partire dal disagio per prendere un mezzo, andare in posti che non conoscono e inoltre perdere quel concetto di socialità che abitualmente ogni giorno esercitavano parlando con il piccolo negoziante che avevano sotto casa è che è stato costretto dalla crisi dell’energia a chiudere l’attività.

Altro problema è il peso della spesa da portare fino al mezzo pubblico per poi recarsi sempre ad orario verso la propria abitazione. I problemi sono diversi sia riguardo la mobilità, la socialità, la perdita di consuetudine, il mancato incontro con le persone abituali e quindi lo scambio di parole tra di loro.

In sostanza, ciò rappresenta un significativo peggioramento della qualità della vita, ancora più grave in quanto ne sono colpite persone anziane, verso i quali il Paese dovrebbe nutrire un senso di riconoscenza per quanto da giovani hanno lavorato a beneficio della società tutta. Ci si augura che il nuovo Governo sappia farsi carico di questo problema, che non è solo economico, ma ha importanti ricadute sul piano sociale ed etico.

Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,483FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share