Confusione

Siamo vicino alle feste natalizie e pertanto le persone, in generale il mondo del lavoro, dovrebbe essere leggermente più sereno.

I nostri mass media, invece, ci affogano di covid-19, di No Vax, rievocazione dei brigatisti, “a Natale chiudiamo tutto”, rievocano Gomorra, “Trump è cattivo”, Biden invece ha una doppia cravatta una blu americana e una rossa per cinese (visto il faccia a faccia con il presidente Xi), Palamara rientra nei mondi dei cattivi, Renzi all’angolo, Spadafora si confessa.

Come vedete i nostri quotidiani sono pieni della migliore politica nazionale e dell’eccellente politica estera… Purtroppo, dopo l’esperienza del passato a partire dai Guelfi e Ghibellini, nulla da allora e cambiato. Abbiamo una categoria di politici buoni e una di politici cattivi. D’altro canto, abbiamo fatto una scoperta, non solo i medici che parlano di covid 19 sono ormai divenuti al rango di scienziati, i politici per non essere di meno si qualificano a “io/noi siamo i migliori”. Tutto questo farcito con citazioni costituzionali che in alcuni casi sono mezzi proverbi, in sostanza, ognuno vuole crearsi una sua immagine prescindendo dalla bontà dell’azione del pensiero.

Altro cattivo è Conte e la lista dei cattivi è veramente lunga, non si capisce come si possa parlare di buoni e cattivi quando, invece, come al solito dovrebbe essere il cosiddetto cittadino, come tutti dicono, che sta al centro delle attenzioni e invece è messo fuori gioco. Non perché nell’aria di rigore non ci siano difensori, e quindi, è fuori gioco, ma proprio perché non hanno un ruolo.

A proposito di fuori gioco, la Nazionale, come i politici, è bravissima e fino al giorno prima della competizione gridiamo, siamo i migliori! anche sen mancano giocatori titolari. Tanto non importa, siamo comunque i migliori. Con la svizzera, che tutti noi pensavano fosse un rifugium peccatorum, per alcuni capitalisti, invece, abbiamo scoperto che gli svizzeri sanno giocare a pallone e bloccano anche la nostra Nazionale. Non è un problema, adesso andiamo a vincere in Irlanda, anche lì bravissimi! Per poco non perdevamo pienamente, senza nemmeno uscire fuori da un pareggio.

Ma quando si diventa seri? Ma quando si parla in occasione di avere già le pere nel sacco. Tutta questa gente è abituata a chiacchierare, e ormai, è diventata una malattia benigna, ma che non c’è vaccino che possa debellarla.

Conclusione, un invito a tutti i giovani di non di non curarsi di loro, ma pensare allo studio all’apprendimento e pensare ad una Italia migliore.

Articolo precedenteL’Italia e la connettività 5G
Prossimo articoloBorghi italiani
Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,503FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Le cryptovalute e il metaverso

Come si è già avuto modo di scrivere in precedenza (per riferimenti, si veda questo link) il metaverso rivoluzionerà il mondo come lo conosciamo,...

DECALOGO PER CONTRIBUIRE DA SUBITO AD UN AMBIENTE PIU“GREEN”

Cosa possiamo fare noi - da subito - per l’ambiente, in modo da lasciare ai nostri figli un mondo meno inquinato e non destinato...

Ambiente e COP26

Ambiente Parlare di ambiente, ormai, è diventata una moda, speriamo di no! Le tecnologie e i processi innovativi sono di aiuto all'ambiente. Per esempio, anche...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share