Evviva, l’incertezza…

Nel nostro Paese l’incertezza la fa da padrone

Probabilmente il non decidere, il non fare, l’incertezza quanto prima sarà definita una scienza esatta. Non mettere mai limiti alla provvidenza. Ormai di “scempiaggini” siamo abituati a sentirne tante, anche in maniera stravagante, ma spesso rappresentate e commentate come argomenti seri. Il nostro Paese è investito da una patologia perenne che normalmente ha durata inferiore all’anno.  Abbiamo avuto, per un anno, notizie dai mass media solo riguardanti gli sbarchi degli “immigrati”, poi dei centri di accoglienza e di Lampedusa, successivamente abbiamo sentito parlare di Trump nei quattro anni. Adesso speriamo di poter parlare di Biden ma, se non troviamo persone investite da una buona fantasia, sarà particolarmente difficile.

Il confronto con la Germania di Angela Merkel

Altra patologia riguarda la Merkel, che spesso la rappresentiamo come brutta e cattiva e il giorno dopo sembra bella e buona. Tutti hanno parlato della gestione del covid-19 in Germania che è stata condotta con discrezione, dignità e guardate un pò hanno anche distribuito contributi e liquidità ai cittadini. Ciò cosa vuol dire? Ovviamente che è un paese organizzato e solido ed ha superato in maniera efficace ed efficiente anche questa situazione non prevista del covid-19. I contagi sono stati seguiti e curati in casa attraverso la rete dei medici di base senza dover fare le corse in ospedale. A maggio i ragazzi erano tornati a scuola, in Italia invece, abbiamo preso le stesse decisioni ma per essere “i primi” abbiamo costituito due commissioni una per la chiusura delle scuole ed una per le aperture con risultato finale pari a zero.

Mascherine e test sierologici

Altro argomento patologico sono le mascherine, in Germania, si è deciso in maniera tassativa per tutti i cittadini in particolare, per coloro che adoperano mezzi pubblici e fanno le compere presso i supermercati, sono obbligati ad indossare la mascherina. Inoltre, hanno adottato una strategia sui di test sierologici e tamponi con una campagna massiccia per fare un vero proprio screening di massa e quindi individuare i contagi zona per zona su tutto il territorio tedesco.

In Italia abbiamo altro..

Abbiamo suonato le nostre campane creando un App che si chiama Immuni (di cui l’utilizzo non è neanche obbligatorio) e con questo fare ci siamo auto-nominati primi della classe, peccato per il sistema organizzativo. Siamo dinnanzi al Recovery Fund e del MES che sono altri due argomenti pandemici ma finora nulla di fatto. Possiamo dire che siamo stati i primi della classe a parlarne molto.

Altra patologia e quando sentiamo dire da qualcuno siete legati alla poltrona, ma arriva subito una smentita da Nicola Morra che è presidente dell’antimafia, che pur avendo offeso la memoria della defunta Iole Santelli, con forza e determinazione dice: non mi dimetto. Questo signore dovrebbe essere visitato a monte e a valle prima di occupare il posto in cui risiede e allo stesso modo quando esce. Probabilmente ha scoperto che la poltrona a cui ci si riferisce, di essere legati, è proprio la sua.

Altra patologia del momento di cui se ne sente parlare è il caso Palamara che con altre ventisette persone sono sotto inchiesta. Di fatto è stata una patologia forte, ma particolarmente contenuta nel tempo.

Il mondo religioso presente in Tv

Anche il mondo religioso è sotto l’effetto di una patologia, la televisione. Spesso vediamo i preti che si presentano nei vari talk show con jeans e scarpe da ginnastica, per scoprire che sono preti bisogna trovare un conduttore distratto che magari gli si rivolga con l’appellativo “Don” per capire che è un vero prete. (In questo caso, per taluni l’abito non fa il monaco). Anche Papa Francesco occupa uno spazio quotidiano in televisione ma anche se siamo sicuri che non ce nessuno contratto con la Rai lo vediamo “inserito” nel palinsesto. Quindi ogni giorno occupa una parte della nostra cronaca.

Patologie dell’Italia

Tutto quanto descritto dovremmo raccoglierlo come se fosse un Big Data ed analizzarlo in modo tale che i giovani di oggi capiscano questo periodo non come evento storico, ma come un periodo circoscritto da mettere in un angolo e chiamarlo pandemia.

Articolo precedentePremio Italia Giovane 2020
Prossimo articoloLa protezione dei dati
Francesco Chiappetta
Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

564FansLike
1,517FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Energia intelligente

Il concetto di energia intelligente Si instaura con la Decisione n. 1639/2006/CE del Programma Energia Intelligente Europa (EIE), il quale prevedeva tra i suoi obiettivi...

Auto elettriche e le sigle kW e kWh

Promuovere le auto elettriche Siamo sulla strada della mobilità sostenibile e ci stiamo avvicinando al primo obiettivo europeo (2030) per un drastico abbattimento delle emissioni...

Il DIHV incontra l’ISPRA

In occasione del consueto appuntamento mensile, il Digital Innovation Hub Virtuale si è riunito in call conference per approfondire e discutere la tematica relativa...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share