Presidente a sorteggio

Proprio mentre stiamo scrivendo, il Parlamento sta cercando di individuare un Presidente della Repubblica che abbia i requisiti per tale ruolo, momento cruciale non solo per il nostro Paese ma anche per il ruolo che riveste a livello internazionale.

Come nostro solito, ne stiamo approfittando per renderci ridicoli esprimendo alle votazioni i nomi di personaggi assolutamente privi di titoli, quasi a sminuire un avvenimento così formale quale l’elezione del Capo dello Stato. Ciò dimostra, quantomeno, un comportamento poco etico e trasparente dei Deputati e dei Senatori. In questi primi scrutini, stante la mancanza di accordi, è più opportuno votare un candidato di bandiera o scheda bianca, visto e considerato che il Paese e gli organismi internazionali osservano.

Ma la sorpresa sarà un’altra: alla fine qualcuno dirà che il nostro comportamento è un modello da esportare, in quanto siamo sempre i primi della classe. In questo Paese quando si è bravi come Mario Draghi si viene costantemente tirati per la giacca da tutti i pizzi. Al posto di fare questi giochi poco opportuni, la carta Draghi viene giocata in presenza di intese insoddisfacenti a monte. Invece si parla di Draghi come un soggetto (o peggio un oggetto) nelle mani non si sa di chi, rischiando le sue dimissioni premature.

Mario Draghi venne suggerito come Presidente della Banca Centrale Europea dall’allora quasi morente Governo Berlusconi III: il suo apprezzamento all’estero gli valse non solo il posto da presidente ma anche le infinite critiche – e qualche volta vere e proprie offese – da parte di molti; ora sta diventando l’uomo dei dieci partiti nel nostro Paese, compresi quelli pentiti, una sorta di panacea per tutti i mali.

Speriamo, con il prossimo editoriale, di poter parlare di un neoeletto Presidente di alto profilo. I candidati ci sono e sono anche bravi, il dramma si chiama compromesso.

Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,490FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share