Finanza Altra: gli strumenti per le pmi oltre il credito bancario

Eccetto i grandi gruppi bancari, oggi le banche popolari o le bcc sono molto restie a concedere soldi a imprese e persone.

Per questo oggi le pmi progressivamente ricorrono a strumenti di finanza differenti rispetto al tradizionale credito bancario. Il fine è quello di ottenere finanziamenti per esigenze di liquidità e programmi d’investimento.

Il panorama vede in parallelo, oppure più spesso in sostituzione, dei canali di finanziamento forniti dal sistema bancario: crowdfunding, social lending, microcredito, etc..

Concretamente parlando, il mercato di riferimento include strumenti supportati da normative specifiche e da evoluti sistemi di concessione del credito, che rientrano nelle innovazioni tecnologiche applicate ai servizi finanziari (Fintech), come ad esempio l’equity crowdfunding.

Riportiamo in pillole – certamente non esaustive – alcuni dei principali strumenti di finanza alternativa oggi più gettonati.

Crowdfunding

Il crowdfunding costituisce un aspetto della Fintech, il settore delle innovazioni tecnologiche applicate ai servizi finanziari.

Concretamente parlando, esso è una forma di finanziamento dal basso che consente la raccolta di capitali sul mercato mediante canali alternativi o complementari rispetto ai finanziamenti classici erogati dalle banche o alle quotazioni sui mercati finanziari.

Lo scopo del crowdfunding è finanziare progetti imprenditoriali o iniziative di varia natura ricorrendo a piattaforme, portali o siti web.

Tale piattaforma mette in contatto le due controparti e, in cambio, riceve una remunerazione per i servizi prestati ai datori e ai richiedenti i fondi.

Per poter usufruire di questo strumento, le pmi devono essere: microimprese (nr. dipendenti inferiore a 10 e fatturato inferiore a 2 mln €); piccole imprese (nr. dipendenti inferiore a 50 e fatturato inferiore a 10 mln €); medie imprese (nr. dipendenti inferiore a 250 e fatturato inferiore a 50 mln € o, in alternativa, un totale di bilancio non superiore a 43 mln €).

Interessante è una versione di crowdfunding chiamato equity per cui l’investimento online consente di acquistare un titolo di partecipazione in una società.

Minibond

I minibond rappresentano delle obbligazioni a medio – lungo termine volte a finanziare piani di sviluppo e/o investimenti straordinari dell’azienda. Negli ultimi anni tale strumento si è progressivamente diffuso dal momento che, rispetto alle obbligazioni tradizionali, è facile da emettere, meno complicato e meno costoso e, dunque, molto vantaggioso per le pmi bisognose di liquidità.

Per accedere ai minibond la società (spa o srl) sane, non deve essere quotata in borsa, una banca e microimpresa. Le pmi devono avere un organico inferiore alle 50 unità e un fatturato o totale del bilancio annuale non superiore a 10 mln €. Le medie imprese, invece, devono avere un organico inferiore alle 250 unità e un fatturato non superiore a 50 mln € o totale di bilancio annuale non superiore a 43 mln €.

Microcredito

Il microcredito costituisce un prestito di esigue dimensione, non coperto da garanzie reali, associato a servizi di tutoring e coaching.

E’ stato dimostrato che tale strumento comporta una serie di vantaggi: diminuzione della  povertà, produce reddito, aumento dell’occupazione.

Essenzialmente il microcredito differisce dai prestiti bancari in tre punti: tassi d’interesse bassi; assistenza tecnica e monitoraggio di attività finanziate con il prestito; bilanciamento tra interessi dei finanziatori e esigenza di denaro del richiedente il prestito.

E’ bene ricordare che i prestiti concessi dagli operatori di microcredito non sono accompagnati da garanzie reali e ciò può costituire un rischio per chi offre un prestito.

Peer to Peer lending

Abbreviato con la formula P2P lending, il Peer to Peer lending è un prestito personale erogato da privati nei confronti di altri privati, ricorrendo ad Internet. Il P2P lending è conosciuto anche come social lending, espressione che evidenzia un tasso d’interesse applicato inferiore rispetto a quello delle banche.

Sostanzialmente il P2P lending prevede la sottoscrizione, da parte di finanziatori e prenditori, di un contratto di debito, tramite cui i primi erogano somme in denaro mentre i secondi si impegnano a restituire il capitale maggiorato da un tasso d’interesse, in un range temporale.

 

Articolo precedenteLa Cina è vicina
Prossimo articoloCentro Studi Americani
SI-IES srlhttp://www.si-ies.it/
SI-IES Istituto Europeo Servizi srl è una società di consulenza strategica e direzionale, dinamica ed innovativa, che propone servizi e soluzioni altamente professionali per generare valore e centrare gli obiettivi del cliente. Gli elementi distintivi che caratterizzano il modo di operare sono competenza, affidabilità, esperienza, passione ed entusiasmo, proponendo soluzioni "chiavi in mano" che includono l'intera filiera realizzativa.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,505FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Pirovert – sostenibilità ambientale

IL PROGETTO CHE SI COLLOCA NEL CONTESTO DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DA IL VIA ALLA FASE DELLA COMUNICAZIONE   La soluzione proposta nel Progetto PIROVERT e,...

La transizione ecologica e l’accesso agli incentivi

La necessità di procedere verso una transizione ecologica è sempre più pressante e l’Unione Europa ha fissato diversi obiettivi da raggiungere. Entro il 2030...

Siamo sempre connessi!

Consumi in stand-by Ormai non si da più freno al consumo di energia elettrica a partire dai cellulari lasciati in carica tutta la notte, i...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share