Tim un male che viene da lontano

Abbiamo più volte parlato delle vicissitudini di Telecom Italia.

Ritengo che il male però, venga da lontano e che, in tutti questi anni non si è riusciti a fare una politica strategica per il rilancio della società ma, hanno cercato di prendere provvedimenti che, a Napoli definirebbero ‘’pannicelli caldi’’. Inoltre, da anni si parla della separazione tra rete e servizi che, non ha giocato a favore della società e ciò lo dimostra l’azionario in borsa che ogni giorno, da una partenza di 14 mila lire, pari a 7 euro, oggi abbia un titolo che vale 0,296 centesimi. Tenete presente, che ci vogliono circa 5 azioni per acquistare un caffè in una società che oggi, conta circa 37/38 mila dipendenti. Ma qual è la cura a questo? Come al solito è semplice, tagliare il personale, giocando sulle uscite volontarie o forzose.

Inoltre, il governo, quando vuole interviene e quando non vuole, risponde con facilità ‘’è una S.p.a e non posso fare nulla’’ chiaramente, parliamo di una risposta ipocrita che, come abbiamo già visto con moltissimi esempi di interventi, si sono rilevati errati.

Stiamo parlando della perdita di una compagnia telefonica nazionale che era la quinta al mondo, mentre oggi, viaggia verso il 22esimo posto. Le domande che mi sorgono spontanee sono, di chi è la responsabilità? Come hanno gestito? Come mai si è arrivati così in basso? Il nuovo amministratore delegato e direttore generale Pietro Labriola non ha la bacchetta magica ovviamente e non a caso sta giocando su quattro fronti che, secondo me, occorrerebbe verificare se siano strategici o catastrofici. Inoltre, Labriola, punta a creare partnership e aggregazioni, ragionando su due blocchi: rete e servizi.

A mio parere, bisognerebbe forse, tentare di creare, se possibile, un tavolo con il governo per cercare di valutare insieme una soluzione giusta per la prima volta e che punti alla salvaguardia del posto di lavoro che è diventato ormai uno slogan così come la nostra costituzione che, si cita ma non si rispetta.

Articolo precedenteCittadino e Agenzia delle entrate
Prossimo articoloDraghi attento
Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,490FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share