Scenari sulla Banda Ultralarga

L’Italia è negli ultimi posti in Europa nel contesto digitale. Questo dipende certamente anche dalla componente infrastrutturale. Fattore cruciale, sicuramente, la diffusione dalla rete a Banda Ultralarga (BUL), che attualmente non risponde alle esigenze di impresa, della pubblica amministrazione e non regge l’attesa delle nuove generazioni.

Rete secondaria

In questa occasione è importante soffermarsi anche sulla situazione della rete secondaria, tutto il comparto che va dalle centrali telefoniche, reparti-linea, arrivando alla chiostrina e alle colonne montate delle abitazioni. I programmi di un operatore come Telecom sono subordinati anche alle decisioni del nostro Governo che opera per mezzo della Cassa Depositi e Prestiti ed è anche presente su Open Fiber.

Il tema con differenti punti di vista, è quello che vede l’intento di separare la rete secondaria affidandola al controllo pubblico, l’hanno fatto Australia e Nuova Zelanda. In Italia fra gli operatori Tlc i 30 Mbit/sec sono assicurati in tecnologie cablate solo fibra, o fibra e rame, al 92% delle famiglie. Per velocità fino a 1Gbit/sec in tecnologia Ftth (Fiber to the home). La società di Fiber Cop, costituita da Tim, Fastweb ed il fondo americano KKR, prevede la copertura al 56% entro il 2025. Per raggiungere anche le aree, impropriamente dette, a fallimento di mercato. L’allora Governo Renzi incaricò Enel, fondatore di Open Fiber, una società oggi 50/50 con Cassa Depositi e Prestiti, e finanziò l’iniziativa della fibra ottica nelle aree bianche con tre bandi pubblici. Open Fiber, vinse tutte le gare pubbliche per 7439 comuni con l’impegno di realizzare in tre anni la copertura, ora ha richiesto una proroga di altri tre anni.

I comuni con rete fissa

Dal rapporto Infratel (MISE) del 28/02/2021, i comuni con rete fissa terminata sono 1317, solo il 18% dell’impegno a gara. Open Fiber sta inoltre cambiando la tecnologia di connessione, trasferendo circa 1300 comuni in origine previsti in Ftth su connessione wireless meno costose: invece di scavare cavidotti, basta un’antenna per coprire più comuni. A prezzo però di peggiori prestazioni e minor numero di clienti davvero servibili.

Tim ha sempre sostenuto di essere pronta e vendere quote della nuova società della rete a condivisione però di volervi mantenere il controllo proprietario ed ha sottoscritto un memorandum d’intesa con Cassa Deposito e Prestiti nell’interesse di Open Fiber.

Francesco Chiappetta
Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

564FansLike
1,516FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Energia intelligente

Il concetto di energia intelligente Si instaura con la Decisione n. 1639/2006/CE del Programma Energia Intelligente Europa (EIE), il quale prevedeva tra i suoi obiettivi...

Auto elettriche e le sigle kW e kWh

Promuovere le auto elettriche Siamo sulla strada della mobilità sostenibile e ci stiamo avvicinando al primo obiettivo europeo (2030) per un drastico abbattimento delle emissioni...

Il DIHV incontra l’ISPRA

In occasione del consueto appuntamento mensile, il Digital Innovation Hub Virtuale si è riunito in call conference per approfondire e discutere la tematica relativa...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share