Economia e Digitale tra passato e presente

Le teorie ed i paradigmi economici, così come le strategie politiche e aziendali, si ritrovano nel tempo, hanno ciclicità ed efficacia nel loro reiterarsi. Nella politica economica è un iter che si verifica spesso come il concetto di razionalizzazione del Paese che riempiva i dibattiti già di trent’anni fa.

Negli ultimi tempi in una delle mie ricerche recenti, ho ritrovato una pubblicazione che fa cenno alle politiche di bilancio, sono degli atti di un seminario di studi organizzato da un gruppo di esperti presso la Camera dei Deputati risalente al 1993. Si parlava di equilibrio dei conti pubblici che venissero considerati nella congiuntura della scelta principale di politica economica. Si sottolineava l’esigenza di un inquadramento più complessivo della situazione economica che permettesse risposte più organiche. D’altra parte, la rettifica del trattato di Maastricht con legge italiana del novembre del 1992, imponeva precisi vincoli per la realizzazione del programma comune di convergenza e richiedeva una riflessione consapevole per misurare realisticamente la possibilità di raggiungere i principali quattro obiettivi economico-finanziari fissati dai protocolli delle intese comunitarie. Allo stesso tempo si puntualizzava una ripresa produttiva in particolare per le PMI, al riequilibrio tra Nord e Sud e alla necessità di far fronte alla crescente disoccupazione. In tutto questo, una strategia atta a “riscrivere” le regole dello “Stato Sociale” in una equilibrata dinamica tra efficienza e tutela.

Razionalizzazione del Paese

Quanto rappresentato è copiato “forse” dalla stampa di oggi che viviamo un momento critico. Ed ancora si leggeva: “esistono le considerazioni per favorire un circolo virtuale dell’economia, per una ripresa dello sviluppo attraverso metodi e strumenti nuovi lungo una linea di razionalizzazione del Paese, nel solco dei molti valori, coniugando efficienza e solidarietà”.

Stimolare e sviluppare le politiche dell’offerta

Come per allora anche per oggi, per essere protagonisti del cambiamento, è necessario stimolare e sviluppare le politiche dell’offerta, favorire interventi pubblici di liberalizzazione, privatizzazione, ristrutturazione, semplificazione amministrativa e fiscale. Insieme al riordino delle politiche tariffarie e di infrastrutturale, recuperare attenzione alla ricerca e nella formazione del capitale umano allo scopo migliorare l’efficienza complessiva nel sistema produttivo, guardare soprattutto agli interessi dei consumatori.

Rispettare i principi economici più il digitale

Il contenuto diviene utile per fare una breve lezione di economia, manca solo la reale concretizzazione. Forse è utile suggerire di rispettare i principi economici e di predisporre un piano triennale secondo le disponibilità finanziarie, non dimenticando che oggi il digitale aiuta ad una maggiore trasparenza e diffusione con un elevato contributo dei network di comunicazione digitale.

Francesco Chiappetta
Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

565FansLike
1,538FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Protagonisti della scena green

Le Nazioni Unite e l’Agenda 2030 hanno chiesto che si aumenti il riciclo e il reimpiego di acqua riducendo così l’inquinamento e il rilascio...

Che direzione stiamo prendendo?

“L’occasione storica per investire sulla sostenibilità”. È stato detto da ogni personalità di rilievo a livello internazionale e, anche in Europa, sta diventando una...

Non solo il digitale, anche l’idrogeno

L’idea non originale viene dal primo ministro del Regno Unito Boris Johnson: “nel campo della tecnologia dell’idrogeno è possibile avere una ripartenza verso il...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter