Ucraina

Ancora la solfa quotidiana secondo un talk show sul grave problema che sta facendo soffrire il popolo ucraino. I conduttori di questi talk show, a differenza di questi cittadini, sono in posti sicuri e accoglienti.

È diventato un vero e proprio storytelling quasi come la vecchia signora Maria che dal proprio pianerottolo commenta con la signora di fronte ma, in questo caso parliamo di persone fondamentalmente trasparenti e serie. I conduttori, almeno da quanto capito, concordano con i presenti schierandoli a monte, la platea del Si e la platea del No, altrimenti non riescono a raggiungere le audience desiderate. Tutto questo, farcito da uno scopo, per loro, importante ossia audience e pubblicità.

Dopo la pandemia e la guerra in Ucraina, sarebbe utile e necessario cambiare tutti i conduttori sia telefonici che televisivi per dare un segnale di cambiamento e rinnovamento cercando di accantonare questa piega triste e introducendo gente nuova e quindi facce nuove, evitando di riesumare personaggi legati alla politica da 30/40 anni che come si è dire a Roma ‘’non schiodano’’ anzi, sempre i medesimi, continuano a parlare di rinnovamento. Alberto Sordi direbbe ‘’rinnovamento de che?’’.

Siamo partiti dall’Ucraina perché anche noi vorremmo fare delle considerazioni che riguardano sia il presidente del Consiglio dei ministri, Mario Draghi, che è andato negli Stati Uniti con una bandiera, su cui c’è scritto ‘’l’Europa vuole la pace’’. Con questo biglietto da visita, l’interlocutore o si adegua oppure, dovrebbe fare i salti mortali ma, l’età, non glielo consente. Perciò, per evitare fatture agli arti sarebbe utile parlare di pace e soprattutto, come raggiungere la pace, esaminando gli aspetti che riguardano gli armamenti, le aggressioni, i bambini, le donne, le persone deboli e a tutti i morti che la guerra, promossa da Putin, ha creato e sta creando.

Inoltre, sarebbe bene non strumentalizzare Papa Francesco in quanto, né Putin e né il patriarca Ortodosso lo gradiscono.

Articolo precedenteExpo Sanità
Prossimo articoloAncora Tim
Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,498FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share