USCAR Lazio, Telemedicina ed emergenza sanitaria

L’incontro con il vicecoordinatore dell’USCAR della regione Lazio

In occasione del consueto appuntamento mensile, il Digital Innovation Hub Virtuale si è riunito in call conference per approfondire e discutere le tematiche relative alla gestione dell’emergenza sanitaria da COVID-19. Ospite speciale dell’incontro è stato il Dr. Fabrizio Rossi, medico di medicina generale e vicecoordinatore dell’USCAR (Unità Speciale di Continuità Assistenziale Regionale) della regione Lazio.

Come operano le USCAR?

Durante l’incontro, il Dr. Fabrizio Rossi ha illustrato l’importante lavoro svolto dai medici dell’USCAR Lazio. Le ASL inviano all’USCAR richieste di intervento domiciliare o in RSA, conventi, scuole, caserme, punti di ingresso nel territorio (porti, aeroporti). Circa 300 medici, affiancati dal fondamentale ruolo svolto dagli infermieri, visitano giornalmente a domicilio 100-120 pazienti, effettuano valutazioni sull’eventuale necessità di ricovero degli stessi tramite metodiche diagnostiche (saturimetro a riposto, test del cammino) e anche tramite gli strumenti della telemedicina.

Telemedicina: a che punto siamo?

Negli ultimi mesi, la tecnologia al servizio della medicina ha fatto importanti passi in avanti. Tramite app, per esempio, i pazienti caricano i propri dati clinici (frequenza cardiaca, pressione arteriosa, risultati dei test rapidi e molecolari) e possono essere quindi seguiti da remoto. Grazie agli strumenti della telemedicina è possibile controllare in modo capillare 10-12 pazienti contemporaneamente, ma la visita a domicilio si conferma maggiormente efficace. Con quest’ultima, infatti, è possibile valutare il grado di affanno del paziente, la sua reazione allo stress, ed è possibile effettuare ecografie per verificare la presenza di condizioni interstiziali da infezione da COVID-19.

L’importanza di prevenire l’affollamento degli ospedali

Il lavoro di screening svolto dall’USCAR Lazio è di fondamentale importanza per prevenire l’affollamento degli ospedali e, pertanto, è considerato estremamente utile dallo Spallanzani, che si occupa di dotare le unità dei presidi medici e kit necessari. Nonostante le unità siano affiancate dai medici della Croce Rossa e della protezione civile, il loro numero complessivo risulta insufficiente per far fronte all’emergenza in maniera adeguata.

Problemi di coordinamento e ritardi

Sono emersi anche problemi di dialogo e di coordinamento con le strutture sanitarie, così come ritardi nella ricezione dei test. In particolare, questi ultimi causano non pochi disagi in termini psicologici e soprattutto economici, dal momento che si rischia di rimanere ventun giorni in isolamento senza la certezza di essere positivi.

Il ruolo dei medici di famiglia nell’emergenza sanitaria

Tra le molteplici criticità emerse dall’analisi dell’emergenza sanitaria in atto, è emersa anche quella relativa alla scarsa intraprendenza e disponibilità di alcuni medici di famiglia nel seguire i pazienti affetti da COVID-19. Si tratta di una questione delicata che spinge, da un lato, a domandarsi sulla fedeltà di molti medici al giuramento di Ippocrate e, dall’altro, a ringraziare tutti coloro i quali svolgono quotidianamente un lavoro encomiabile al servizio della comunità.

Articolo precedenteDigital team
Prossimo articoloIl Progetto “Made in Italy Pavillon”

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,510FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Pirovert – sostenibilità ambientale

IL PROGETTO CHE SI COLLOCA NEL CONTESTO DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DA IL VIA ALLA FASE DELLA COMUNICAZIONE   La soluzione proposta nel Progetto PIROVERT e,...

La transizione ecologica e l’accesso agli incentivi

La necessità di procedere verso una transizione ecologica è sempre più pressante e l’Unione Europa ha fissato diversi obiettivi da raggiungere. Entro il 2030...

Siamo sempre connessi!

Consumi in stand-by Ormai non si da più freno al consumo di energia elettrica a partire dai cellulari lasciati in carica tutta la notte, i...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share