Le telefonate dei call center

Coloro che chiamano dalla mattina alla sera sono dei rispettabilissimi lavoratori e quindi cercano di fare al meglio la propria prestazione per il relativo compenso.

L’autorità preposta, in maniera fantomatica, ha dettato le regole facendo capire al Paese che i call center ormai non disturbano più. Ponendo la domanda a tutti i possessori dei cellulari (che nel nostro Paese sono circa 100 milioni): quante telefonate ricevete al giorno dai call center? Ci si renderebbe conto del problema. Le telefonate iniziano alle ore 8 del mattino e si chiudono alle 20:30. Le offerte sono le più disperate: la luce, il gas e tante altre voci che ogni giorno arrivano sul cellulare di ognuno di noi. È possibile avere una riunione senza avere lo squillo di un telefono appartenente ad un call center?

Chiudere il telefono in alcuni casi vuol dire anche isolamento di persone che hanno bisogno di contatti e, quindi, di avere la connessione telefonica sempre aperta. È legittimo che si interferisca sulla vita privata di un cittadino? Trovare una soluzione non è facile. Bisogna parlare con eserti di MK e comunicazione. Questi ultimi dovrebbero creare un vero e proprio portale a disposizione del cittadino che se ha necessità di servizi o utility può andare direttamente, fare comparazione e, eventualmente, sceglier l’interlocutore. In un certo modo, ci sta questa iniziativa presso la autorità che nessuno consulta. Ma proprio perché ignorata è urgente creare un qualcosa che viene fortemente pubblicizzato evitando interferenze di persone che non hanno nessuna responsabilità se non quella di lavorare. Tutta la questione merita una grossa riflessione.

Articolo precedenteL’Ucraina in Europa
Prossimo articoloL’acqua
Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,498FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share