Giovani cambiamenti

Sul palcoscenico delle strade si stanno “piazzando” come calamite migliaia di giovani mossi da una ragazza che abbiamo imparato a conoscere per forza di cosa. Svedese, sedicenne, capelli lunghi e viso candido: lei sta mobilitando con la sola forza della parola intere masse per sensibilizzare “i piani alti” sul tema dell’ambiente e che, migliorare la qualità della vita è possibile.
 
I dibattiti sono sempre più accesi e divisori tra chi dice che è una persona in gamba e coraggiosa e chi dice che si tratta di un puro strumento di marketing verso il mondo. I benpensanti esclamano che ha sollecitato, per mezzo della comunicazione, un ulteriore passo di consapevolezza che riguarda l’aspetto dell’ambiente approdando (con un veliero) persino all’ONU. Quello che non ci convince non è la tematica e l’urgenza di dover fare qualcosa di serio per contrastare i cambiamenti climatici, ma il dramma che sta accompagnando questa ragazza sedicenne con una sindrome di Asperger, facendola parlare come una giovane aspirante attrice che si è ripassata il copione sia dal punto di vista della dizione, delle pause, dei tempi delle parole e della postura.
 
Per noi ha una valenza negativa, facendo venire meno il concetto di spontaneità. Si dice “quello è un attore consumato”. In questo caso diremmo che si tratta di una bambina poco più che adolescente che non sta di certo partecipando ad uno spot pubblicitario tantomeno ad un carosello televisivo.
 
Durante queste settimane la stampa ed i mass media stanno facendo emergere il piano di marketing organizzato dietro questa giovane ragazza, attraverso l’organizzazione di eventi. Si tratta di “avvenimenti-meteore” che quindi nel breve periodo finiscono nel dimenticatoio ma è altrettanto eccessivo che Greta se la prenda con sua madre, suo padre, i nonni: la generazione che non ha saputo proteggerli. E dal canto loro, come reazione, abbiamo una “non-reazione”. Né una lacrima, né un segno di mortificazione e questo la dice lunga sul fatto che probabilmente rientra tutto in quel contesto di marketing.
 
Noi siamo con Greta ma solo ed esclusivamente per difenderla e ci auguriamo che sia da monito affinché non si ripeta più sul piano speculativo che una giovane adolescente, portatrice anche di malesseri personali debba sottostare a tutta questa attenzione.
Invitiamo Greta a tornare a scuola e a girare pagina.
 
Articolo precedenteA culpa remotus
Prossimo articoloL’innovazione e l’evoluzione
SI-IES srlhttp://www.si-ies.it/
SI-IES Istituto Europeo Servizi srl è una società di consulenza strategica e direzionale, dinamica ed innovativa, che propone servizi e soluzioni altamente professionali per generare valore e centrare gli obiettivi del cliente. Gli elementi distintivi che caratterizzano il modo di operare sono competenza, affidabilità, esperienza, passione ed entusiasmo, proponendo soluzioni "chiavi in mano" che includono l'intera filiera realizzativa.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,490FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share