L’assistenza tecnica e la Pubblica Amministrazione

Su richiesta delle amministrazioni centrali titolari di intervento PNRR, nonché delle amministrazioni locali, il Dipartimento Centrale della Ragioneria dello Stato presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) ha emanato una Circolare in data 24 Gennaio 2022 avente ad oggetto «Servizi di assistenza tecnica per le Amministrazioni titolari di interventi e soggetti attuatori del PNRR». Le amministrazioni, centrali e locali, possono avvalersi del supporto tecnico di società a prevalente partecipazione pubblica: si crea così il problema della rendicontazione dei costi relativi all’assistenza tecnica di cui all’art. 6 paragrafo 2 del Regolamento (UE) 2021/241.

Affinché vengano coperti i fabbisogni di assistenza tecnica, nonché la relativa rendicontazione dei costi – che ricordiamo secondo l’articolo 9, comma 2, del D.L. 31 maggio 2021, n. 77, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 luglio 2021, n. 108, essere inammissibili al finanziamento nell’ambito del PNRR – la Ragioneria dello Stato stipulato un accordo con Cassa Depositi e Prestiti (CdP), specificando che: «L’accordo, tra l’altro, prevede la possibilità che CdP fornisca supporto e affiancamento alle Amministrazioni centrali titolari di interventi del PNRR e ai soggetti attuatori a livello territoriale, nelle fasi di programmazione e attuazione delle linee di intervento, nonché per la progettazione ed esecuzione dei progetti». E che: «Il supporto di Cassa Depositi e Presiti si concretizzerà attraverso un piano operativo annuale definito di intesa con RGS».

L’Accordo quadro tra il MEF e CdP del 27 Dicembre 2021 definisce, all’interno degli interventi di sostegno alle amministrazioni, l’individuazione delle linee di investimento da realizzare attraverso procedure di partenariato pubblico-privato (PPP). L’assistenza tecnica fornita dalle imprese private sarà così confluita e relegata al solo PPP, mentre CdP, Invitalia, Sogei/Studiare Sviluppo potranno fornire assistenza tecnica in maniera autonoma e (potenzialmente) senza l’aiuto esterno di professionisti e imprese del settore.

Molti lavoratori, molti professionisti e società speravano di fornire il proprio contributo in maniera diretta alle pubbliche amministrazioni. Rendendo la procedura così macchinosa si rischia di scoraggiare le imprese alla collaborazione con la PA, tagliando fuori una cospicua fetta di investimenti da redistribuire sul territorio, necessari per la ripresa del Paese e al rilancio dell’occupazione.

SI-IES srlhttp://www.si-ies.it/
SI-IES Istituto Europeo Servizi srl è una società di consulenza strategica e direzionale, dinamica ed innovativa, che propone servizi e soluzioni altamente professionali per generare valore e centrare gli obiettivi del cliente. Gli elementi distintivi che caratterizzano il modo di operare sono competenza, affidabilità, esperienza, passione ed entusiasmo, proponendo soluzioni "chiavi in mano" che includono l'intera filiera realizzativa.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,490FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share