5G e Sanità

Ogni giorno leggiamo che vi sono disponibili miliardi a destra e a manca fino al punto che dovremmo creare una figura che potremmo definire osservatorio innovativo con un giusto indice e potere se non altro vedere i titoli con breve sintesi e finalità. Uno per tutti il PNR assegna 30 miliardi basati sulle tecnologie IoT. I servizi trainano la crescita dell’internet delle cose che nel 2021 tocca i 7,3 miliardi di giro d’affari vale a dire il 22% in più rispetto al 2020 mentre i servizi a valore aggiunto raggiungono i 3 miliardi con un +25% e valgono circa il 40% del mercato IoT complessivo.

Proviamo ad enunciare qualche buona iniziativa 5G e sanità collegato al 5Ci.

Partiamo dall’assunto che è possibile creare un sistema automatico e personalizzato 5G-5Ci nel digitale. Vediamo come: raccolta ed analisi dei dati utilizzando una connettività presente nel paese a banda larga ultra larga ed anche a bassa latenza; colleghiamo il punto con la sanità elettronica e la gestione in questo caso delle emergenze.

Le iniziative includono mercati verticali e quindi l’impiego di gruppi di aziende e clienti che in virtù della tecnologia sono tutti interconnessi.

L’iniziativa 5G e 5Ci come detto molto utili nei piani di emergenza dove si collegano gli aspetti tecnologici ed i contenuti di comportamento.

Quindi puntare ad un sistema una volta per sempre che consente di ottenere i dati medici dei pazienti a partire dal battito cardiaco per arrivare anche ai valori degli esami ematici. Tutto ciò consente di parlare con il medico affinché possa avere in tempo reale la piccola anagrafe del paziente per meglio fare una diagnosi.

Andando oltre andiamo verso una visione di realtà aumentata, qui si ha l’obiettivo di facilitare dati e quindi il flusso necessario per decisioni sempre riguardante il paziente.

In sintesi, trasformare la rete di trasporto mobile odierna in una piattaforma di calcolo e di trasporto mobile basata su software, defined networking (SDN).

Tenendo presente come la SI-IES ripete più volte obiettivi per una rete dinamica, flessibile e scalabile per mezzo della gestione e la configurazione basata su software NVF, vale a dire fornire un nuovo modo per creare, distribuire e far funzionare i servizi di collegamento in rete. Sono tutti elementi ed indicazioni per implementare la piattaforma digitale di telemedicina.

Articolo precedenteFantasia digitale e Telemedicina
Prossimo articoloLa TIM non trova pace

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,490FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share