Quanto costerà l’elettronica nel 2023 ?

L’inflazione avrà effetti anche sull’elettronica, nonostante da decenni si sia abituati a nuove generazioni di elettronica che costano più o meno come la generazione precedente, il segmento dell’elettronica non è immune dall’inflazione. Gli aumenti sono iniziati a giugno con Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC), la più grande azienda di semiconduttori al mondo, che ha annunciato aumenti di prezzo a partire dal 2023, seguita da  Intel: anche Marvell e Qualcomm hanno informato i propri clienti che aumenteranno i prezzi dei chip. Ora sembra che la maggior parte, se non tutte, le aziende di semiconduttori stiano seguendo con i propri aumenti di prezzo.

In quanto componente chiave di quasi tutto ciò che utilizziamo nella nostra vita quotidiana, dagli spazzolini da denti elettrici ai tostapane agli smartphone e alle automobili, gli incrementi dei prezzi dei semiconduttori provocheranno aumenti simili lungo tutta la catena del valore e alla fine tali maggiori costi verranno addebitati ai consumatori. È probabile che anche le tariffe dei servizi addebitati dalle società di comunicazioni, Internet e intrattenimento aumenteranno,  man mano che trasferiscono i prezzi crescenti delle loro nuove apparecchiature.

L’industria dei semiconduttori ha lottato con i vincoli di capacità e catena di approvvigionamento durante la ripresa della domanda durante il Covid. In precedenza, le aziende spingevano per maggiori investimenti da parte dei loro clienti di semiconduttori in capacità future o affrontavano le conseguenze della perdita della priorità di produzione e/o dei prezzi più elevati.

Ma, con le continue limitazioni e l’aumento dei prezzi delle materie prime, le aziende e i produttori di dispositivi integrati (IDM) come Intel , Microchip e Micron devono affrontare tutti lo stesso problema: l’aumento dei costi.

Ad oggi,  non esiste una soluzione facile per risolvere i problemi di fornitura dei semiconduttori. La maggior parte della nuova capacità produttiva sarà costruita per supportare i nuovi nodi del processo di produzione in cui il costo più elevato può essere recuperato attraverso margini di profitto più elevati. Ciò lascia vincoli sui nodi di processo meno recenti fino a quando la domanda non si riduce man mano che vengono introdotti prodotti più nuovi sui nodi di processo avanzati e diventa disponibile capacità aggiuntiva per i nodi meno recenti.

Con applicazioni automobilistiche, industriali, mediche e persino di consumo che utilizzano gli stessi chip per cinque anni, 10 anni o anche più, ci vorranno anni prima che le richieste di produzione si stabilizzino tra i nodi di processo più vecchi e la capacità di produzione esistente.

Inoltre, ci vogliono almeno due anni per costruire e iniziare a costruire una nuova fabbrica di semiconduttori, anche su un sito di produzione esistente. Sebbene alcune aziende si siano impegnate a costruire nuove fabbriche, gran parte di tale impegno si basava su finanziamenti assistiti dai governi degli Stati Uniti e dell’UE, che sono stati molto lenti ad arrivare.

Ad oggi, gli Stati Uniti hanno finanziato i piani CHIPS e FABS Acts, ma non è chiaro come verranno allocati quei fondi e quando i fondi saranno disponibili per i produttori di semiconduttori.

SI-IES srlhttp://www.si-ies.it/
SI-IES Istituto Europeo Servizi srl è una società di consulenza strategica e direzionale, dinamica ed innovativa, che propone servizi e soluzioni altamente professionali per generare valore e centrare gli obiettivi del cliente. Gli elementi distintivi che caratterizzano il modo di operare sono competenza, affidabilità, esperienza, passione ed entusiasmo, proponendo soluzioni "chiavi in mano" che includono l'intera filiera realizzativa.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,486FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share