E-learning e piattaforme

Tra le varie definizioni di e-learning quella che più risulta esaustiva è quella di Khan:” l’e-learning può essere visto come un nuovo approccio che sfruttando le proprietà delle tecnologie digitali e utilizzando materiali didattici predisposti per ambienti di apprendimento aperti, flessibili e distribuiti, consente l’erogazione di ambienti di apprendimento ben progettati, incentrati sullo studente, interattivi e di facile uso per tutti”.
 
Pochi si soffermano a parlare di piattaforme e della loro evoluzione. L’e-learning di tipo tradizionale è stato finora erogato secondo schemi rigidi per i quali le tecnologie e le applicazioni hardware e software sono state riorganizzate. Oggi tali sistemi “rigidi” sono diventati obsoleti e il futuro dell’e-learning si è allontanato sempre di più da questi schemi col fine di migliorare l’apprendimento a distanza.
 
Le piattaforme per l’e-learning sono organizzate principalmente in tre componenti: LMS (Learning Management System), LCMS (Learning Content Management System) e tools di distribuzione dei contenuti formativi e di interazione offerti agli utenti. Negli LMS sono integrati tutti gli aspetti che riguardano la gestione delle attività per l’insegnamento online; negli LCMS invece sono concentrati i servizi per la gestione dei contenuti. I tools sono l’insieme di quei servizi che permettono di gestire i processi di insegnamento e interazione fra gli utenti.
 
Alla base di una corretta progettazione di una piattaforma e-learning, che abbia cioè funzionalità necessarie per il nuovo apprendimento e come obiettivo primario lo sviluppo dello studente, vi sono tre elementi fondamentali: Infrastruttura: la struttura hardware e software che permette il funzionamento dei serivizi. Si tratta di reti internet, database, linguaggi di sviluppo e protocolli di comunicazione audio-video. Contenuti: materiali formativi dei corsi, che possono essere e-book e laboratori on-line. I materiali didattici possono essere dei documenti di testo, audio, video, ecc. Servizi: rappresentano le funzionalità che permettono di tenere traccia delle attività, gli strumenti di verifica della preparazione dell’allievo, e la gestione dei corsi, della collaborazione fra docenti e studenti.
 
L’unione fra le funzionalità e dei tools dà origine ad un sistema chiamato Learning Delivery Environment (LDE) che rappresenta lo schema fondamentale al quale fanno riferimento tutte le piattaforme per la formazione a distanza. In un LDE si possono individuare: un’area di management e tracking delle attività, che si occupa di monitorare gli studenti e di gestire le loro attività; un’area che contiene i servizi per la gestione dei contenuti, a partire dalla loro creazione fino alla distribuzione e manutenzione di questi ultimi; un’area legata all’infrastruttura e alla risoluzione delle problematiche tecnologiche a supporto dei servizi sopra citati.
 
Inizialmente queste piattaforme erano particolarmente difficili da usare, sia per gli studenti che per i docenti, poiché erano poco “user-friendly” e troppo complesse. Grazie alle nuove tecnologie però, stanno diventando sempre più facili da utilizzare e intuibili; i docenti possono gestire la pubblicazione dei contenuti didattici delle lezioni direttamente dal proprio PC, in modo flessibile e autosufficiente, con la possibilità, inoltre, di comprendere meglio le potenzialità del sistema e di adeguare di conseguenza le sue forme di comunicazione.
 
La piattaforma e-learning, oltre alle attività di servizio, deve essere in grado di gestire un numero elevato di funzioni diverse, tutte riconducibili a eventi sincroni e asincroni. Appartengono alla prima categoria l’aula virtuale e la conferenza virtuale. Ambedue gli strumenti consentono l’interazione di ogni partecipante ad un evento in diretta: maggiore interazione per un maggiore numero di partecipanti per la conferenza virtuale. Gli eventi sincroni hanno come condizione necessario che l’utente sia collegato in quell’orario preciso se vuole interagire con i relatori. La piattaforma potrà gestire anche eventi non in tempo reale, asincroni, a cui l’utente può collegarsi in qualsiasi momento. A questa categoria appartengono le lezioni online che consentono all’utente di accedere dal proprio PC a tutto il materiale didattico pubblicato dai docenti.
Andrea Chiappetta
Andrea Chiappettahttp://www.andreachiappetta.it/
Creo ecositemi, credo nell’innovazione e penso che lo studio continuo e il confronto siano gli ingredienti per realizzare sinergie e soluzioni. Autore di Italia.Next edito da Rubbettino.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

564FansLike
1,517FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Energia intelligente

Il concetto di energia intelligente Si instaura con la Decisione n. 1639/2006/CE del Programma Energia Intelligente Europa (EIE), il quale prevedeva tra i suoi obiettivi...

Auto elettriche e le sigle kW e kWh

Promuovere le auto elettriche Siamo sulla strada della mobilità sostenibile e ci stiamo avvicinando al primo obiettivo europeo (2030) per un drastico abbattimento delle emissioni...

Il DIHV incontra l’ISPRA

In occasione del consueto appuntamento mensile, il Digital Innovation Hub Virtuale si è riunito in call conference per approfondire e discutere la tematica relativa...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share