Whatsapp “tassa”

WhatsApp a pagamento! Il servizio al momento si conferma gratuito per tutti e non prevede l’applicazione di alcun costo a carico dell’utente. Tuttavia, ci sono dei precedenti. Due anni fa in Uganda è stata introdotta una tassa di 200 scellini ugandesi, pari a circa 0,05 dollari, per ogni accesso non solo a WhatsApp ma anche ad altre piattaforme online come Facebook e Twitter. Lo scorso anno ci ha provato il Libano a tassare l’uso di WhatsApp con la proposta di un balzello di 0,2 dollari al giorno a partire dal 1° gennaio 2020. Sembra però che il progetto sia stato ritirato.

Ma bisogna ricordare che l’iniziativa è partita dall’Europa. Il governo spagnolo sta pensando di introdurre una tassa su WhatsApp, così come Telegram e altri servizi di messaggistica come Skype e Facebook Messenger. Il governo spagnolo è per chiedere a società tipo WhatsApp e Telegram di registrarsi come operatori telefonici, chiamati poi a pagare un canone, come applicato agli operatori tradizionali a condizione che le loro entrate superino una certa soglia. Non è ancora chiara la modalità dell’applicazione della tassa ma stando a quanto scritto nella bozza si prevede una tassa di 1 euro ogni 1000 euro di fatturato. Il governo dice “il modo in cui consumiamo i servizi di comunicazione è cambiato e le condizioni di concorrenza sono cambiate”. Se si parla di tassa significa trovare soldi per le casse dello stato.

È una partita che cambia le regole alla fine di un percorso. Sarebbe curioso vedere la reazione del consumatore e come questi social intendono reagire per evitare la tassa. L’Europa fa annunci alcune volte come se fossero dei sondaggi. Speriamo che in questo caso le posizioni contrarie alla tassa siano pari al 100%.

Francesco Chiappetta
Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

566FansLike
1,538FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Che direzione stiamo prendendo?

“L’occasione storica per investire sulla sostenibilità”. È stato detto da ogni personalità di rilievo a livello internazionale e, anche in Europa, sta diventando una...

Non solo il digitale, anche l’idrogeno

L’idea non originale viene dal primo ministro del Regno Unito Boris Johnson: “nel campo della tecnologia dell’idrogeno è possibile avere una ripartenza verso il...

Idrogeno sì

La chiave per ottenere energia rinnovabile al 100% in Europa ha un nome, si chiama idrogeno verde. La Commissione europea ha presentato la “Strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter