I Bitcoin: asset o valuta?

In Francia si terrà un’asta dove l’oggetto in vendita sarà un “lotto” di 611 Bitcoin. Sebbene la vendita sarà tenuta da una casa d’aste di carattere privato, il mandante è la Repubblica Francese, più precisamente l’AGRASC, l’agenzia d’oltralpe che ha come compito il recupero e la gestione di beni, rispettivamente, da confiscare e confiscati. Questa notizia risulta di particolare interesse poiché conclama che la concezione dei Bitcoin, ormai, ha sconfinato il mondo della valuta ed è entrata ufficialmente nella categoria: asset.

Un valore che supera i 30 milioni di euro

L’origine del bene in vendita è di tipo giudiziario, più precisamente, i Bitcoin in questione, sono derivanti dall’hack del servizio di scambio GateHub del 2019. Questa refurtiva, all’epoca del sequestro, era sotto forma dell’asset digitale XRP, i famosi Ripple, solo successivamente scambiati in Bitcoin, perché reputata una valuta più appetibile sul mercato. Le operazioni risultano più semplici e questo potenzialmente dovrebbe permettere di massimizzare il profitto. I Bitcoin in questione verranno venduti in lotti, 437 per la precisione, che andranno da 0.11 BTC ai 2 BTC.

Bitcoin mania

Il vero punto focale della questione, che porta quindi un seguito di scalpore e fermento nel mondo dell’investimento finanziario è la normalizzazione della cripto valuta. Questo ha comportato la propensione di moltissimi individui, quindi privati indipendenti, affidandosi agli agenti di cambio, a sfruttare al massimo le potenzialità di questo mercato, non a caso i BTC pochi giorni fa hanno raggiunto i massimi storici.

Così asset da essere sequestrabile

I Bitcoin, quindi, sono un bene sequestrabile a tutti gli effetti. La domanda che potrebbe sorgere spontanea è: come si può sequestrare una valuta che non ha dietro una Banca Centrale? Come si fa a prendere possesso di un bene che viaggia su un network di nodi, gestita in modo distribuito, con un sistema di crittografia per validare le transazioni e renderle non tracciabili? In primo luogo, ai Bitcoin in questione deve essere collegata una qualche attività criminosa, ma il punto centrale è che il vero lavoro consiste nell’ottenere la collaborazione dell’imputato per lo sblocco del portfolio, oppure il recupero dei codici di accesso con metodi non necessariamente regolari.

 

 

 

 

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,483FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Agroalimentare e la sua filiera

I lettori di Sentieri Digitali hanno avuto modo di comprendere l’impegno costante per un settore così strategico del nostro Paese e dell’Europa. Nell’ambito della...

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e la strategia...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share