Vaccino

Quanto sappiamo sul Vaccino?

E’ iniziata la campagna di vaccinazione più grande della storia, ansia e tensione crescono, come l’attesa di ritornare alla vita di prima, ma come sempre vengono in mente dubbi e polemiche.

Cosa sappiamo sul vaccino?

Il primo vaccino della storia fu quella contro il vaiolo con Jenner e contro la rabbia con Pasteur.

I vaccini sono medicinali biologici usati per prevenire una o più malattie infettive. Nel momento in cui si identifica il responsabile di una determinata malattia infettiva (microorganismo-tossina) è possibile ricorrere a strategie diverse per sviluppare un vaccino specifico. L’obiettivo del vaccino è quello di indurre, al sistema immunitario, una risposta verso un componente specifico del microrganismo (antigene) e di memorizzare tale comportamento (memoria immunitaria). Inolte, può essere usato per dare una protezione multipla con un’unica somministrazione e questo avviene riunendo più antigeni nello stesso vaccino. Esempi di questi vaccini polivalenti sono il DTP usato contro difterite,tetano e pertosse, mentre il MoRuPar contro morbillo, rosolia e parotite.

Tipologie di vaccini

In base alla tipologia della componente attiva i vaccini si distinguono in:

  • vaccini vivi attenuati, prodotti a partire da microrganismi resi non patogeni (come i vaccini contenenti i virus di morbillo, rosolia, parotite, varicella, febbre gialla e il micobatterio della tubercolosi);
  • vaccini inattivati, prodotti a partire da microrganismi uccisi tramite esposizione al calore oppure con specifiche sostanze (come i vaccini contenenti i virus di epatite A, poliomielite e influenza definito “split” o “a virus frammentato”);
  • vaccini ad antigeni purificati, prodotti attraverso raffinate tecniche di purificazione di quelle componenti del batterio o del virus che interagiscono con l’organismo (come i vaccini contenenti gli antigeni dei batteri che causano la pertosse, la meningite e quelli contenenti gli antigeni del virus dell’influenza definito “a sub-unità”);
  • vaccini ad anatossine/tossoidi, prodotti nella maggior parte dei casi da quelle proteine rilasciate dal microrganismo (tossine) che sono in grado di determinare la malattia (come i vaccini contenenti le esotossine dei batteri tetano e difterite);
  • vaccini a DNA ricombinante (biotecnologici), prodotti a partire dalle porzioni del DNA dei microrganismi che codificano per un determinato antigene attraverso un procedimento biotecnologico (come i vaccini per l’epatite B e per il meningococco B).
  • vaccini a RNA basati su un RNA messaggero (mRNA) che fornisce l’informazione genetica al sistema immunitario.

Ulteriori tipologie si possono avere nel tipo di somministrazione: intramuscolare, sottocutanei e vaccini orali.

Il vaccino contro il Coronavirus (Sars-Cov-2)

La proteina spike di Sars-Cov-2 è il principale meccanismo che il virus utilizza per infettare le cellule bersaglio. I vaccini contro il Covid-19 stimolano il nostro sistema immunitario a produrre anticorpi contro la proteina spike che è stata individuata come bersaglio, contro questo virus, per renderla innocua.

Le tre strategie per attaccare questo virus sono: quelli più tradizionali in cui si somministra direttamente la proteina spike, o parti del virus che la contengono. Quello vettoriale virale (adenovirus), ovvero virus resi innocui, modificati in modo da contenere il Dna che induce le nostre cellule a produrre la proteina spike. Infine, ci sono quelli che usano nanosfere contenenti mRNA per indurre il nostro sistema immunitario a produrre la proteina spike.

In questo momento ci sono tre tipi di vaccini approvati dall’Agenzia Europea del Farmaco (EMA):

Azienda: Pfizer-Biontech, nome vaccino: BNT162b2 (Comirnaty), tipologia: (mRNA), approvato: il 21 dicembre 2020;

Azienda: Moderna, nome vaccino: Covid 19 Vaccine Moderna mRNA-1273, tipologia: (mRNA), approvato: il 6 gennaio 2021;

Azienda: AstraZeneca-Oxford, nome vaccino: Vaccine AstraZeneca AZD1222, tipologia: (vettore virale adenovirus), approvato: il 30 gennaio 2021;

Ad oggi, in Italia i dati del vaccino:

Persone vaccinate con 2 dosi (richiamo) sono 1.308.947, ovvero 2,17% della popolazione.

Persone vacciniate con 1 dose sono 1.899.307, ovvero 3,15% della popolazione.

Restiamo nella speranza che tutto ciò funzioni e ritorni alla Normalità.

 

Il virus influenzale merita una menzione a parte perché il virus cambia ogni anno e quindi la composizione del vaccino antinfluenzale viene decisa, su indicazione dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), in base ai ceppi che si prevede circoleranno maggiormente durante il periodo invernale. (ISS)

 

Articolo precedenteVolare digitale
Prossimo articoloObiettivo strategico: e-mobility

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,509FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

La transizione ecologica e l’accesso agli incentivi

La necessità di procedere verso una transizione ecologica è sempre più pressante e l’Unione Europa ha fissato diversi obiettivi da raggiungere. Entro il 2030...

Siamo sempre connessi!

Consumi in stand-by Ormai non si da più freno al consumo di energia elettrica a partire dai cellulari lasciati in carica tutta la notte, i...

Energia intelligente

Il concetto di energia intelligente Si instaura con la Decisione n. 1639/2006/CE del Programma Energia Intelligente Europa (EIE), il quale prevedeva tra i suoi obiettivi...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share