Beni culturali patrimonio del paese

Il nostro Paese è riconosciuto a livello mondiale per la sua storia e per la sua cultura. Inoltre, in questo momento, gli argomenti sui beni culturali sono investiti dall’impresa 4.0 per la digitalizzazione e la trasformazione. Il patrimonio culturale, oggi, ha la possibilità di essere guardato in 3D per mezzo di tecnologie come il Metaverso. Si sta andando, sempre più, verso l’arte e la cultura con tecniche di comunicazione innovative al fine di valorizzare e fruire del patrimonio culturale. In tutto ciò, ha un ruolo importante il network di rete e la relativa collettività.

Da parte della SI-IES sono stati fatti degli approfondimenti riguardanti le tecnologie e gli strumenti digitali al servizio di arte e cultura. Ed ecco che parliamo di realtà virtuale, di realtà aumentata, di multimedialità e di mostre intangibili. Si è anche provveduto a pensare alla creazione di un podcast: l’arte e il patrimonio culturale raccontati a distanza.

Anche l’Europa ha mostrato attenzione al concetto evolutivo del settore culturale e della relativa digitalizzazione. È interessante vedere e fare riferimento al sedicesimo rapporto annuale di Federculture collegato anche al cambiamento delle abitudini di consumo culturale del nostro Paese e, in particolare, ai tempi del covid-19.  In sostanza, il cambiamento è andato verso lo stato dell’arte e della cultura valutando e verificando tra criticità e nuove opportunità. Dall’emergenza sono nati nuovi paradigmi digitali per la cultura come, ad esempio, l’osservatorio di innovazione digitale nei beni e attività culturali da parte del Politecnico di Milano.

L’arte e la cultura andrebbero viste anche sul piano della riscoperta dei social media e della gestione della stessa anche dal punto di vista del marketing: le strategie del web marketing per il settore digitale. I social hanno avuto un ruolo che noi definiamo un fenomeno di tendenza per l’engagement culturale. In più, il settore è investito dalla tecnologia dell’intelligenza artificiale e dai big data.

In sostanza la SI-IES ha provato ad analizzare la profonda relazione che intercorre tra il sistema dell’arte e della cultura e le nuove ICT. Nell’era digitale, questa è frutto di una evoluzione ancora in corso e che interessa la sfera tecnologica e quella sociale, culturale, economica e politica dei nostri giorni. Si è notato anche il ricorso a nuovi linguaggi digitali sia nelle pratiche di condivisione esperienziale da parte del pubblico sia come parte integrante delle strategie di web marketing. In sostanza il comparto culturale e creativo è di particolare interesse ed in forte evoluzione. Secondo SI-IES va fatta un’analisi approfondita delle opportunità e delle criticità legate alla digitalizzazione del settore culturale. Non a caso, la comunità europea ha individuato proprio nel processo delle tecnologie per le informazioni e le comunicazioni un’ottima opportunità di lancio sia per la democratizzazione del sapere, sia per lo sviluppo economico sociale e culturale dei singoli Paesi. In conclusione, si è dell’avviso di promuovere ricerca e ideazione mirate alla salvaguardia, allo sviluppo e alla divulgazione del patrimonio collettivo con l’ausilio dei nuovi linguaggi digitali e di Internet.

Articolo precedenteReferendum
Prossimo articoloEconomia sociale

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,502FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

L’acqua

L’acqua vuol dire vita e quindi è un bene primario. Senza fare polemiche è ben rappresentare che la rete idrica del nostro paese a dir...

Comunità Energetica

Il Clean Energy for Europe Package è basato su una proposta della Commissione Europea e precisamente del Novembre 2016 e definisce gli obiettivi e...

ESG

Quando si parla di acronimi si capisce niente. In questo caso il significato è Environmental Social Governance. Sarebbe meglio dire ambiente sociale governance per renderlo più...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share