Papa Benedetto XVI Digitale

Il papa Joseph Ratzinger adoperando strumenti di innovazione tecnologica è uscito dal suo silenzio: “La Chiesa si esprima con cuore e spirito” ed auspica anche “finché nei testi ufficiali della Chiesa parlerà solo la funzione ma non il cuore e lo spirito, l’esodo del mondo della fede continuerà”. Lo ha scritto sulla rivista Hender Korrespondenz e critica la Chiesa tedesca, impegnata a discutere di riforme, pur senza citare il sinodo in corso. In sostanza, il pontefice richiama il mondo della Chiesa cattolica ad assumere il proprio ruolo e non cercare visibilità con argomenti o comportamenti quotidiani al di fuori dei canoni della Chiesa. Si evince, inoltre, che per la prima volta le casse del Vaticano sono in rosso. Si continua, tra l’altro, a fare chiasso sugli scandali della Chiesa come se fosse un avvenimento di cronaca senza pensare ad un’impostazione che rispetti i sacri canoni.

I mezzi di comunicazione di massa non si espongono neanche di fronte alla Pandemia, ciò significa che la formazione politica, culturale e giornalistica non ha fatto un passo avanti nel capire che il mondo sta cambiando e continua a cambiare. Il ruolo del giornalista, o del comunicatore, non è quello di scimmiottare, sostituendosi alla scienza, per quanto riguarda la pandemia ma bensì quello di investigare e informare il cittadino. In questo momento abbiamo un nuovo partito: quello del green pass, con favorevoli e contrari, ed è come il film Don Camillo e Don Peppone, che è superato di almeno cinquant’anni. L’invito vale non solo per il mondo della chiesa, deve servire come monito alla “riscoperta delle cose serie” e non di questioni effimere e semplici che non servono a nulla nel medio e lungo termine. Il green pass è un qualcosa di serio e bisogna avere la forza di imporlo, oppure intraprendere la strada della persuasione verso il vaccino. Non è possibile dare la sensazione che il vaccino non è un mezzo curativo, ma bensì un solo business che riguarda il mondo farmaceutico perché è fortemente errato. Quindi, gli esperti devono convincere l’esterno che la sperimentazione è stata accelerata ma rispettando tutti i canoni della ricerca (che nessuno ci crede).

Si parla del Covid come un’istituzione duratura e con conseguenze imprevedibili in quanto alcuni parlatori a vuoto sostengono che possono esserci delle ricadute successive non dopo 9 mesi, ma bensì dopo diversi anni, pertanto, il segnale è verso gli avvocati civilisti e penalisti: Preparatevi perché c’è lavoro per voi. L’ipocrisia è così elevata che, in una trasmissione televisiva su La7, una giornalista ha detto ad un’altra collega giornalista: “che bellissima casa ed anche bellissimi quadri dietro di te”. La risposta è stata immediata: “Non è casa mia ma di una mia amica” sempre per dimostrare che si è amici del popolo se si sostiene che si è poveri. Invece, si viene a scoprire che hanno una “barca di soldi”.

Tim sta vivendo, in questo momento, una situazione delicata in riferimento all’accordo Tim – Dazn, che è sotto osservazione da parte dell’anti – trust, mentre scriviamo, infatti, è uscita la sentenza “chi vede le partite con Tim Vision è libero di abbonarsi ad un altro operatore Internet”. Il garante della concorrenza chiude il suo provvedimento urgente (cautelare) senza prendere decisioni. Sono sufficienti gli impegni che le due società assumono, il decoder di Tim e le partite da Dazn senza rinunciare all’abbonamento web con un altro fornitore. In sostanza, gli impegni assunti dalle due aziende (Tim e Dazn) assumono, dunque, elementi utili che hanno convinto il garante della concorrenza a non decidere misure urgenti nel suo provvedimento cautelare aperto a luglio. Gli impegni evitano “possibili discriminazioni nella fruizione del servizio Dazn” ai danni di chi “utilizza servizi di connessione internet diversi da quelli di Tim”. Fin dal 1 agosto, inoltre, sarà possibile disporre dei contenuti Dazn con Tim Vision senza dover sottoscrivere un abbonamento continuo.  Un decoder alternativo. In queste aree bianche dove è difficile abbonarsi alla banda larga o ultra larga Dazn offrirà un suo decoder per la visione a pagamento via digitale terrestre (macchina con un hardware assimilabile a quella del decoder Tim Vision ma senza le personalizzazioni di Tim e l’app Tim Vision precariata). La notizia tranquillizza anche i dipendenti Tim.

L’invito da parte nostra è quello di rientrare nei ranghi, di avere notizie serie, rispettare il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, per quello che sta facendo senza creare turbative esterne che possono compromettere l’economia del Paese.

Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,510FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Pirovert – sostenibilità ambientale

IL PROGETTO CHE SI COLLOCA NEL CONTESTO DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DA IL VIA ALLA FASE DELLA COMUNICAZIONE   La soluzione proposta nel Progetto PIROVERT e,...

La transizione ecologica e l’accesso agli incentivi

La necessità di procedere verso una transizione ecologica è sempre più pressante e l’Unione Europa ha fissato diversi obiettivi da raggiungere. Entro il 2030...

Siamo sempre connessi!

Consumi in stand-by Ormai non si da più freno al consumo di energia elettrica a partire dai cellulari lasciati in carica tutta la notte, i...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share