Come affrontare il cambiamento

Scriviamo spesso che stiamo vivendo un particolare momento e che siamo dinanzi ad un cambiamento che sta investendo tutti i settori, compresa l’economia digitale. Ciò che serve è un’adeguata infrastruttura per stimolare la crescita, utilizzare l’interconnessione e puntare così ad essere più competitivi.

La pandemia ha inciso molto sulle imprese che a loro volta hanno trasformato le modalità di lavoro, creando una richiesta elevata di provider di servizi digitali e il bisogno di una maggiore interconnessione per mezzo dello scambio di dati. Non a caso le organizzazioni che sono prive di una base digitale faticano a retare in piedi a causa di questo cambiamento rapido della domanda.

La giusta larghezza di banda di interconnessione dei provider di servizi sta accelerando e nello stesso tempo superando le imprese che stanno affrontando la trasformazione digitale.

Secondo SI-IES e il DIHV bisogna ben valutare il ruolo e le priorità legate alla connettività ed alla riduzione dei costi. Il 50/70% del nuovo valore creato nel prossimo decennio sarà basato su modelli di business digitalmente abilitati. Il DIHV prevede che la sfida sia quella di ridurre i costi e di diventare più efficienti, accelerando al contempo lo sviluppo di nuove forme di analisi. Bisogna pensare all’esigenza, vale a dire trasformare l’architettura di rete, distribuendo nello stesso tempo le infrastrutture digitali in luoghi strategici al fine di supportare l’interconnessione locale tra servizi a utenti, dati, cloud, ed anche partner dell’ecosistema. In una parola creare la rete in tutte le Regioni.

Un altro punto riguarda i risultati di business, con riduzione dei costi al 50/60% di trasporto, riduzione del 25/30% della latenza ed aumento della larghezza di banda di interconnessione, pari a 10 volte. Altro aspetto riguarda l’urbanizzazione.

L’espansione sta portando alla necessità di una trasformazione ibrida multi-cloud.

Entro il 2030, infatti, si prevede che le aree urbane ospiteranno il 50-60% delle persone a livello globale ed il numero di città con una popolazione tra 1 e 5 milioni di abitanti salirà verso i 600. Non va trascurata la sicurezza informatica in quanto le minacce stanno portando alla necessità di una sicurezza distribuita a livello globale. Altro punto riguarda il volume dei dati e conformità degli stessi. I dati crescono ad un tasso composto. Meno del 3% attualmente creati viene analizzato per l’intelligence d’impresa. Infine, ci sono gli ecosistemi aziendali: entro il 2025 il 70/80% dei leader digitali osserverà l’impatto positivo della connessione a più ecosistemi, con effetti quali il miglioramento del valore per i clienti finali: ecco cosa fare per rispondere alla sfida, alle esigenze ed anche ai risultati di business.

Connettività on-demand a bassa latenza per migliorare il coinvolgimento digitale e creare in modo dinamico un nuovo valore.

Sono alcuni punti sui quali i responsabili che si trovano ai vertici governativi o aziendali, compagnie di telecomunicazioni, debbano insistere al fine anche di rispondere non solo alle esigenze del cliente/cittadino ma anche all’avanzare della competizione a livello internazionale. Il nostro Paese è al 24° posto in ambito europeo. L’auspicio è quello di scendere per risalire.

Articolo precedenteLa difesa impossibile
Prossimo articoloNote stonate di una nuova notte
Andrea Chiappetta
Andrea Chiappettahttp://www.andreachiappetta.it/
Creo ecositemi, credo nell’innovazione e penso che lo studio continuo e il confronto siano gli ingredienti per realizzare sinergie e soluzioni. Autore di Italia.Next edito da Rubbettino.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

564FansLike
1,524FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

L’elettrico

La macchina elettrica e, quindi, la relativa ricarica, stanno creando un popolo di tifosi. Il tifoso del sì, il tifoso neutrale e il tifoso...

Un mondo di plastica

Un mondo di plastica La plastica, i rifiuti e ogni tipo di detriti hanno inquinato le nostre acque per anni. Se da un lato la...

Coronavirus: la plastica, il virus ecologico dell’epidemia.

Il virus ecologico dell'epidemia Il virus ecologico dell'epidemia, ovvero la plastica, è cresciuto in modo esponenziale dall'inizio della pandemia. Ciò ha suscitato preoccupazione in un...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share