E-commerce, Pharma e Covid-19

Il Covid-19 è stato per molti un motivo di cambiamento.

Parleremo bene dell’e-commerce. Purtroppo, a causa del Covid-19 è scattata l’emergenza sanitaria che in questa circostanza ha accelerato la digitalizzazione di molte attività. Un esempio può essere il telefono fisso che, costretti a stare a casa, è stato adoperato più del solito. La nostra domanda è: sarà un trend duraturo o momentaneo?. Non solo stare chiusi in casa, ma anche altre raccomandazioni/disposizioni – DPCM à gogo – hanno creato la necessità di consultare sempre più spesso piattaforme digitali, dalle riviste di attualità a telegiornali a siti delle più importanti testate giornalistiche.

E’ notevole l’aumento della vendita dei farmaci online.

In Italia nel 2018 il fatturato della vendita di farmaci online è stato di circa 155 milioni di euro. Ciò ha rappresentato una crescita di oltre il 50% rispetto ai 96 milioni del 2017. L’Europa stima che, nel 2020, il totale delle vendite online di prodotti farmaceutici toccheranno i 6.6 miliardi di euro. L’Italia si colloca al terzo posto in Europa per la vendita di farmaci – pur essendo stata la prima a subire gli effetti della SARS-CoV-2 – dopo la Francia e la Germania che è in testa alla classifica. Nel nostro paese sono circa 800 le farmacie e parafarmacie autorizzate dal Ministro della Salute a vendere i prodotti su internet. Di queste, il 20% genera il 90% delle vendite. Sembra che il trend e le possibili nuove dinamiche di business in questa fase di “cambiamento” dell’offerta e del modello operativo adottato dalle aziende del settore Pharma e Healthcare porterà allo sviluppo di nuovi servizi legati all’innovazione tecnologica proposti dall’amministrazione pubblica, dalle cliniche private e dagli altri operatori del settore sanitario.

In questo periodo alcuni hanno notato con sorpresa che esistevano ed esistono strumenti diagnostici da remoto

a supporto della cura e del monitoraggio dei parenti, la dematerializzazione di alcune fasi del processo di accesso ai servizi per la salute quali la fase di accredito o di accesso alla reportistica, così come la dematerializzazione della ricetta elettrica e sistemi di delivery on demand. Il settore farmaceutico nel 2020 è stato interessato ad una sfida epocale di trasformazione cercando di offrire un servizio di prossimità e accessibile a distanza. Sono 46mila i professionisti sul territorio e 19mila le farmacie che sono sempre accessibili in sicurezza. Secondo SI-IES la rete farmaceutica deve andare verso “l’umanizzazione digitale”.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

564FansLike
1,517FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Energia intelligente

Il concetto di energia intelligente Si instaura con la Decisione n. 1639/2006/CE del Programma Energia Intelligente Europa (EIE), il quale prevedeva tra i suoi obiettivi...

Auto elettriche e le sigle kW e kWh

Promuovere le auto elettriche Siamo sulla strada della mobilità sostenibile e ci stiamo avvicinando al primo obiettivo europeo (2030) per un drastico abbattimento delle emissioni...

Il DIHV incontra l’ISPRA

In occasione del consueto appuntamento mensile, il Digital Innovation Hub Virtuale si è riunito in call conference per approfondire e discutere la tematica relativa...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share