Telecom Italia e la prima obbligazione verde

Le obbligazioni verdi di Telecom Italia

Telecom Italia (TIM) ha raccolto 1 miliardo di euro, 1,2 miliardi di dollari, con la sua prima obbligazione verde, ha detto lunedì uno dei lead manager. L’obbiettivo del colosso telematico, in quanto il più grande gruppo telefonico italiano, è quello di migliorare le proprie reti. Questa vendita segna il ritorno di TIM sul mercato obbligazionario dopo un’assenza di quasi due anni. Questa vendita ha attirato oltre 2,8 miliardi di euro di ordini finali.

Parole d’ordine: modernizzazione green

L’ex monopolista telefonico sta lavorando per modernizzare le sue reti fisse e mobili per migliorare l’efficienza energetica, poiché punta alla neutralità delle emissioni di carbonio entro il 2030. Le obbligazioni verdi consentono ai mutuatari di raccogliere fondi per progetti a beneficio dell’ambiente. La guida finale sul prezzo è stata fissata su un rendimento dell’1,75%, secondo il lead, al ribasso rispetto alle indicazioni iniziali di un rendimento di circa il 2,25%, equivalente a uno spread di 255-260 punti base rispetto al tasso swap di mercato medio.

Un’attrazione per gli investitori

“L’emissione ha raggiunto una vasta gamma di investitori, con ordini provenienti da oltre 350 conti. Siamo molto soddisfatti, considerando che prima dell’operazione odierna eravamo assenti dal mercato dall’aprile 2019”, ha dichiarato Carolina Marazzini, co-responsabile dell’emissione del debito di UniCredit. Banca Akros, BNP Paribas, Credit Agricole CIB, Deutsche Bank, UniCredit, Banco Santander, BBVA, Credit Suisse e UBI Banca sono stati i responsabili per la vendita delle obbligazioni di lunedì.

Il rating di TIM

Il mese scorso Moody’s ha affermato che l’Italia è “un ambiente operativo molto competitivo che limiterà ulteriormente la capacità della società di rafforzare la generazione di flussi di cassa e ridurre la leva finanziaria”. C’è da dire, però, che TIM ha saputo approfittare dei costi di indebitamento record. Infatti, grazie alle massicce misure di stimolo messe in atto dalla Banca Centrale Europea per aiutare l’economia della zona euro nel superare l’impatto della pandemia del coronavirus, la TIM ha avuto comunque delle garanzie economiche che non vanno sottovalutate. D’altronde, non si parla certo dell’ultima arrivata. L’ultima volta che ha sfruttato il mercato nell’aprile 2019, TIM ha raccolto 1 miliardo di euro attraverso un’obbligazione senior con scadenza aprile 2025. Il rendimento è stato del 2,875%.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,510FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Pirovert – sostenibilità ambientale

IL PROGETTO CHE SI COLLOCA NEL CONTESTO DELLA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE DA IL VIA ALLA FASE DELLA COMUNICAZIONE   La soluzione proposta nel Progetto PIROVERT e,...

La transizione ecologica e l’accesso agli incentivi

La necessità di procedere verso una transizione ecologica è sempre più pressante e l’Unione Europa ha fissato diversi obiettivi da raggiungere. Entro il 2030...

Siamo sempre connessi!

Consumi in stand-by Ormai non si da più freno al consumo di energia elettrica a partire dai cellulari lasciati in carica tutta la notte, i...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share