L’amico Recovery

Il Recovery Plan è il tema cardine di questi giorni, ma pochi sono a conoscenza, effettivamente, del contenuto; è un po’ come quando si parla di “Bond da acquistare”, piuttosto che di “debiti da acquistare”, perché altrimenti suona male.

Next Generation UE

Per far ripartire l’economia dell’Europa dopo la pandemia da coronavirus, lo scorso luglio, l’UE ha approvato il “Next generation UE”, in Italia conosciuto come “Recovery Fund” o meglio: fondo per la ripresa per il triennio 2021-2023 con titoli di stato europei. Tali titoli di stato europei, meglio detti anche “Recovery Bond”, saranno necessari a sostenere progetti di riforma strutturali. Lo stanziamento complessivo e di 750 miliardi di euro da ripartire ai paesi dell’Unione Europea. Per ottenere gli aiuti dalla Commissione Europea, tutti i paesi membri dovranno presentare i propri “Recovery Plan” entro aprile 2021. Noi in Italia lo abbiamo denominato “Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR)”, cosa fare? In primis riforma fiscale e riforma IRPEF, poi digitalizzazione, transizione verde e inclusione sociale, con tre elementi di spicco trasversali su cui il governo punta: donne, giovani e sud.

Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

L’Europa nella ripartizione dei soldi ha assegnato all’Italia 209 miliardi, di cui 127 di prestiti e 82 a fondo perduto. Il PNRR è composto da sei missioni:
1. Digitalizzazione, innovazione e competitività;
2. Rivoluzione verde;
3. Mobilità e telecomunicazione;
4. Istruzione, formazione, ricerca e cultura;
5. Equità sociale, di genere e territoriale.
6. Sanità.

Gli obiettivi sono diversi, tra cui “on topic”: riduzione dell’impatto sociale ed economico; aumento degli investimenti pubblici, ricerca e sviluppo; tasso di occupazione al 73,2%; indicatori di benessere, aspettativa di vita, tasso di natalità; scuole e giovani, aumentare la quota di diplomati e laureati; sicurezza e resilienza.

Il nostro Paese

Quanto descritto lo abbiamo letto fino alla noia, sarà la volta buona per il nostro Paese? Ogni giorno c’è un’enunciazione, il problema è che nella gente possa generarsi ancora sconforto. In questi casi bisogna avere solo che fiducia, non bisogna sorprendere se l’Italia conia nomi nuovi rispetto al resto dell’Europa. Ciò non significa che non crediamo ad una Europa unita, è solo in questa circostanza per distinguerci.

Francesco Chiappetta
Il prof. Francesco Chiappetta, manager d'azienda, è stato docente universitario di vari atenei. Ha profonda esperienza comprovata da incarichi importanti in azienda leader nel settore delle telecomunicazioni. La sua esperienza diversificata ha l’obiettivo di fornire consulenza direzionale, innovativa e approfondita. E' iscritto all'albo dei giornalisti dal 2005, successivamente nel 2007 pone un’iniziativa editoriale, per la società Si -ies, fondando Sentieri Digitali E-magazine di creatività e tecnologia per la comunicazione d’impresa. L’obiettivo di Sentieri Digitali è dedicato alla Comunicazione d’impresa in senso lato: ovvero dalle grandi imprese alle pmi e gli artigiani, dai professionisti alle PA, dal Marketing agli obblighi d’informazione per le società quotate. L’intero contesto dell’e-magazine è incentrato sui passi evolutivi della trasformazione digitale.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

567FansLike
1,510FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

La transizione ecologica e l’accesso agli incentivi

La necessità di procedere verso una transizione ecologica è sempre più pressante e l’Unione Europa ha fissato diversi obiettivi da raggiungere. Entro il 2030...

Siamo sempre connessi!

Consumi in stand-by Ormai non si da più freno al consumo di energia elettrica a partire dai cellulari lasciati in carica tutta la notte, i...

Energia intelligente

Il concetto di energia intelligente Si instaura con la Decisione n. 1639/2006/CE del Programma Energia Intelligente Europa (EIE), il quale prevedeva tra i suoi obiettivi...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share