Soldi, soldi, soldi

Si parla solo di questo oramai. Con il Recovery Fund verranno stanziati 209 miliardi all’Italia di cui 81,4 come trasferimenti diretti e 127 miliardi come prestiti. È cosa buona e giusta ma bisognerebbe dirlo come ha fatto il presidente Conte e poi fermarsi dal momento che si è creato un coro in cui tutti dicono le stesse cose. Sarebbe meglio cercare di evitare il grave errore di scegliere le buone notizie e utilizzarle per la propaganda che perderebbe consistenza e valore.
 
Steven Mnuchin, segretario al tesoro degli Stati Uniti d’America, ha detto che l’amministrazione è disposta a cancellare prestiti pubblici alle piccole imprese per 518 miliardi di dollari pari a 452 miliardi di euro. Con una sola firma Washington varerebbe così più sussidi di quanti sia riuscita ad organizzare l’Unione Europea dopo cinque mesi di duro lavoro e dopo il vertice dei capi di stato e di governo più lungo della storia. La politica deve fare bene e coloro che ne fanno parte saranno valutati dai cittadini per i risultati. Il popolo italiano è maturo ed anche responsabile. Soprattutto in grado di capire che le notizie che vengono date giornalmente non hanno quasi sempre una giusta coerenza rispetto al programma presente, qualora ve ne sia uno.
 
La sigla RRF sta per Recovery and Resilience Facility: è il nome tecnico dello strumento principale del Recovery Fund, il pacchetto di aiuti approvato dal Consiglio europeo. La RRF fornirà fondi agli Stati in cambio di riforme e investimenti. Tuttavia, l’Italia ancor prima del Covid stava predisponendo le priorità da affrontare vista la situazione economica in cui versava e adesso se ne sono aggiunte altre e dal fronte straniero gli olandesi sostengono che siamo un Paese diviso dal momento che siamo pieni di leggi inconcepibili e magari incapaci di avere una visione a lungo termine. Per questo la vera domanda è se siamo pronti a fare delle riforme oppure se dobbiamo continuare soltanto con titoli enunciativi e magari anche in inglese e non nella nostra lingua madre. Queste riforme, doverose per ottenere i fondi UE, sono le stesse che non si sono adottate per circa 30 anni e a questo punto è molto semplice dire che è la burocrazia la generatrice di questo cortocircuito. Si ricorda che il lavoro agile è utile come la formazione a distanza per gli studenti; c’è un’emergenza per i giovani lavoratori che devono crescere e formarsi. C’è una buona notizia, la quota rosa del gruppo Poste italiane è pari al 54%. Un manager su tre è donna e sono i fautori dello smart working.
Articolo precedenteCovid-19 e impatto economico (terza parte)
Prossimo articoloIdrogeno sì
Avatar
SI-IES srlhttp://www.si-ies.it/
SI-IES Istituto Europeo Servizi srl è una società di consulenza strategica e direzionale, dinamica ed innovativa, che propone servizi e soluzioni altamente professionali per generare valore e centrare gli obiettivi del cliente. Gli elementi distintivi che caratterizzano il modo di operare sono competenza, affidabilità, esperienza, passione ed entusiasmo, proponendo soluzioni "chiavi in mano" che includono l'intera filiera realizzativa.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

566FansLike
1,538FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Protagonisti della scena green

Le Nazioni Unite e l’Agenda 2030 hanno chiesto che si aumenti il riciclo e il reimpiego di acqua riducendo così l’inquinamento e il rilascio...

Che direzione stiamo prendendo?

“L’occasione storica per investire sulla sostenibilità”. È stato detto da ogni personalità di rilievo a livello internazionale e, anche in Europa, sta diventando una...

Non solo il digitale, anche l’idrogeno

L’idea non originale viene dal primo ministro del Regno Unito Boris Johnson: “nel campo della tecnologia dell’idrogeno è possibile avere una ripartenza verso il...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter