Dall’Italia all’Europa

Rappresenta un punto di partenza “culturale” quanto la SI-IES ha fatto con la ricerca, lo studio e le proposte presentate con la testata sentieri digitali e che porta avanti anche attraverso la coordinazione del DIHV (www.dihv.it). Trasformazione digitale, strategie di sviluppo nell’ottica di “Impresa 4.0” sono impegni ormai non più prorogabili se si vuole continuare a crescere e valorizzare la propria attività, prodotti e know-how. E le PMI riconoscono l’impegno per il processo di trasformazione.
 
Molti sono i progetti in corso ed uno di particolare interesse e importanza porta il nome di “Gaia-X” che consiste in un cloud europeo avviato da Francia e Germania. La SI-IES è stata tra le prime ad erogare un corso a una società molto importante nel settore delle TLC sugli aspetti commerciali (entità con piattaforme cloud), per questo il tema è di particolare interesse. L’iniziativa “Gaia-X” dovrà riuscire a sfruttare e trarre vantaggio dal ruolo dei dati, una notevole risorsa strategica, cercando quindi di utilizzarli al massimo avendo come obiettivo la nascita di strategie vincenti per gli ecosistemi aziendali.
 
Gaia-X è un progetto che coinvolge oltre cento aziende UE ed istituti di ricerca di 17 paesi. Il governo tedesco, in occasione del Digital Summit 2019, propone una soluzione a livello comunitario al problema relativo alla conservazione e utilizzo di una grande mole dei dati. Attualmente è in fase di stallo il patrimonio informativo di enti governativi, aziendali, professionisti, depositati nelle casseforti delle imprese americane e cinesi.
Cosa figura tra i compiti di Gaia-X:
  • la piattaforma cloud per le grandi sfide del futuro;
  • il mercato cloud;
  • un dominio in mano a poche aziende;
  • la cessione dei dati e l’esposizione a rischi sistemici;
  • capire come funziona Gaia e quali sono le divergenze con gli americani in tema di riservatezza;
  • la posizione dell’Italia.
A questo punto bisognerebbe fare delle strategie per la crescita digitale del sistema paese. Abbiamo scritto più volte che i Digital contribuiscono alla creazione di un ecosistema dei servizi Sanità, Turismo e ciò comporta crescita dell’intero sistema. Importante il ruolo delle tecnologie distributive, della realtà virtuale ed aumentata, del machine learning, Internet of Things, fattori abituali in grado di utilizzare un sistema teso alla valorizzazione delle risorse del territorio ed all’ampliamento nell’offerta di servizi intelligenti. Impiegare i dati sulle politiche industriali di filiera serve a garantire una maggiore competitività, maggiore accessibilità al territorio ed alle sue risorse e migliorare la qualità della vita delle persone.
 
Si pensa a come un modello di sviluppo particolare possa essere compreso nel patrimonio artistico culturale integrando trasversalmente filiali produttive e diverse.  Servono professionisti qualificati ed anche un ruolo da parte degli atenei professionali da coinvolgere nel mondo rotariano che fa capo al presidente della commissione “Azione-professionale” con il governatore Giovambattista Mollicone, anno 20/21.
Avatar
SI-IES srlhttp://www.si-ies.it/
SI-IES Istituto Europeo Servizi srl è una società di consulenza strategica e direzionale, dinamica ed innovativa, che propone servizi e soluzioni altamente professionali per generare valore e centrare gli obiettivi del cliente. Gli elementi distintivi che caratterizzano il modo di operare sono competenza, affidabilità, esperienza, passione ed entusiasmo, proponendo soluzioni "chiavi in mano" che includono l'intera filiera realizzativa.

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

566FansLike
1,538FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Protagonisti della scena green

Le Nazioni Unite e l’Agenda 2030 hanno chiesto che si aumenti il riciclo e il reimpiego di acqua riducendo così l’inquinamento e il rilascio...

Che direzione stiamo prendendo?

“L’occasione storica per investire sulla sostenibilità”. È stato detto da ogni personalità di rilievo a livello internazionale e, anche in Europa, sta diventando una...

Non solo il digitale, anche l’idrogeno

L’idea non originale viene dal primo ministro del Regno Unito Boris Johnson: “nel campo della tecnologia dell’idrogeno è possibile avere una ripartenza verso il...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter