Analisi del Webinar di ICE e OICE sulla BEI

Il Webinar sulla BEI

In quanto stagista presso la SI-IES, ho avuto la possibilità di partecipare per conto dell’azienda al Webinar delle Agenzie ICE e OICE sulla Banca Europea per gli Investimenti (BEI).  L’iniziativa era incentrata sul tema del Procurement e volta a presentare guidelines, pratiche e procedure legate alle varie fasi di preparazione, implementazione e assegnazione dei progetti della BEI. Oltre ad aver ricavato da tale fruttuoso incontro diverse indicazioni specifiche sul funzionamento degli appalti e sulle tipologie di procurement proposte dalla Banca, ho ricevuto alcuni preziosi suggerimenti per rendere la partecipazione di un’eventuale azienda ai vari bandi più competitiva.

Allargando la mia analisi dell’incontro e ricomprendendo anche gli aspetti contestuali e quelli meno coperti dal tema dell’incontro, ho potuto constatare che la Banca Europea per gli Investimenti, coerentemente con il piano di trasformare l’Europa in “Carbon Neutral” entro il 2050, sta investendo fortemente in direzione della sostenibilità ambientale. L’ambiente risulta infatti essere il tema numero uno per corposità degli investimenti della BEI, superando anche temi come infrastrutture, innovazione e PMI (come evidenziato dal forte interesse della Banca verso i Green Bond).

Ai miei occhi è risultata inoltre evidente la volontà della BEI di estendere la possibilità di partecipare ai bandi al numero più ampio possibile di imprese competenti. Tale estensione si palesa con l’apertura, da parte della Banca, a candidature di Joint Ventures, Consorzi e raggruppamenti di aziende in generale, ma anche con scelta di non sposare uno standard specifico di Tender Document e di considerare dunque valide varie tipologie di documentazione. Nel sottolineare questa posizione della Banca, durante il Webinar i suoi rappresentanti hanno suggerito alle aziende di usufruire di rapporti di consulenza esterni alle aziende, sempre permessi dai regolamenti dei bandi.

Qualche riflessione sui finanziamenti Europei

La partecipazione diretta della Banca Europea per gli Investimenti al Webinar a cui ho aderito è un forte segnale di attenzione e di interesse verso le imprese italiane. La promozione dei progetti di finanziamento europeo è importante tanto quanto la loro implementazione. In effetti, solo mediante l’accesso ai finanziamenti le imprese italiane, giovani o anziane che siano, possono veramente diventare sfidanti sul piano dell’innovazione tecnologica. Ingenti investimenti in ricerca e sviluppo, nonché l’edificazione di rapporti di partnership commerciale tra enti appartenenti a settori o addirittura Paesi differenti, sono infatti di vitale importanza per la nascita e la crescita di realtà aziendali interessanti. E i finanziamenti europei possono alimentare questi processi. È dunque necessario che le aziende nostrane ne tengano conto.

 

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

564FansLike
1,516FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Energia intelligente

Il concetto di energia intelligente Si instaura con la Decisione n. 1639/2006/CE del Programma Energia Intelligente Europa (EIE), il quale prevedeva tra i suoi obiettivi...

Auto elettriche e le sigle kW e kWh

Promuovere le auto elettriche Siamo sulla strada della mobilità sostenibile e ci stiamo avvicinando al primo obiettivo europeo (2030) per un drastico abbattimento delle emissioni...

Il DIHV incontra l’ISPRA

In occasione del consueto appuntamento mensile, il Digital Innovation Hub Virtuale si è riunito in call conference per approfondire e discutere la tematica relativa...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share