Intelligenza artificiale

L’innovazione digitale sta vivendo, sia nel nostro paese che in ambito europeo, un momento di particolare attenzione. In ambito europeo, vi è l’obiettivo di favorire la crescita digitale di imprenditori, professionisti e aziende di tutte le dimensioni. A tal proposito, si ricorda che in passato è stato scritto, da parte di Franco Chiappetta sul Sole 24 ore, “Necessità di una rete di telecomunicazione europea”.

Oggi, invece, l’obiettivo è rivolto verso l’Europa digitale.

Uno dei temi che l’Europa percorre è quello relativo all’intelligenza artificiale, soprattutto per quanto riguarda le strategie di contrasto al covid19. Inoltre, l’Europa è anche impegnata nel “climate target plan” collegato al Green Deal europeo.

Le parole dell’innovazione

Partendo da intelligenza artificiale, sono: fintech, IoT, big data, finserv, insuretech, blockchain, security, robotics, cloud, 5g. Le conversazioni su twitter hanno tenuto banco nel loro conversare anche sui pannelli solari, sulle turbine eoliche, sul fotovoltaico e sul riciclo. Altro tema attuale, è quello dell’imprenditorialità femminile: “i dati del mercato, del lavoro ci dicono che la crisi dell’economia da covid19 ha impattato in maniera prevalente sulle donne, che hanno però colto le opportunità del digitale sviluppando un mercato freelance con un modello di lavoro flessibile”. Tra i temi emergenti, c’è poi quello delle app di tracciamento del covid19 e quello relativo all’uso dei dati.

L’Europa punta molto sulla formazione ad alto tasso di innovazione, così come sui profili specializzati.

Quanto descritto, secondo SI-IES, può estendersi anche agli studi professionali, in particolare agli studi di affari specialistici. L’accelerazione avviene con questo cambiamento negli studi legali capaci di muoversi secondo le esigenze di assistenza e vicinanza al cliente emerse con il lockdown di marzo. Non a caso, hanno raccontato la loro evoluzione durante l’anno della pandemia in modi diversi, non ultimo attraverso i movimenti in entrata e in uscita, le promozioni, le partnership e i progetti attivati.

Il rebranding come ‘rinnovamento nella continuità’

Uno degli esempi da citare è il rebranding che, secondo SI-IES, è un rinnovamento nella continuità. In sostanza, si arriva a parlare del manager in studio con l’inserimento di un marketing and business development manager ed anche una figura a capo dell’amministrazione, finanza e controllo fino al senior economist eccetera.  In sostanza, lo studio dovrà avvalersi della qualifica di of counsel, diffusa nel mondo anglosassone al fine di avere delle collaborazioni tra professionisti specializzati.

Le conclusioni da parte di SI-IES sono: integrazione, of counsel in ascesa, servizi complementari, focus sul contenzioso, l’innesto del penale d’impresa, task force covid19.

  1. Per integrazione si intende fusione partnership al fine di permettere agli studi di radicarsi sul territorio o di estendere l’offerta;
  2. Of counsel in ascesa riguarda le materie di competenza degli esperti, il più delle volte accompagnati da propri team che arricchiscono le practice con specializzazioni verticali, mantenendo piena autonomia gestionale e contabile;
  3. Per quanto riguarda i servizi complementari, si intende l’organizzazione dell’attività legale che diventa tema di investimento, nel senso che alle linee già citate si affiancano quelle IT, oltre al manager a supporto dello sviluppo del business, anche attraverso il marketing;
  4. Poi vi è il focus sul contenzioso, delle nuove boutique e innesti eccellenti che confermano il carattere anticiclico delle practice;
  5. L’innesto del penale d’impresa riguarda gli studi d’affari, che si organizzano per avere in casa le competenze per lo sviluppo dell’area in modo sinergico all’offerta già esistente;
  6. Infine, task force covid19, che ha aperto la strada alla verticalizzazione per offerta tarata sul target medio dello studio. Sono nati infatti osservatori, centri di ricerca, progetti, strumenti comparativi a livello internazionale, beauty contest e piattaforme digitali.
Articolo precedenteSmart Home
Prossimo articoloChi paga?

Altri articoli dell'autore

Puoi leggere anche...

565FansLike
1,538FollowersFollow
Advertisment

Ultime notizie

Coronavirus: la plastica, il virus ecologico dell’epidemia.

Il virus ecologico dell'epidemia Il virus ecologico dell'epidemia, ovvero la plastica, è cresciuto in modo esponenziale dall'inizio della pandemia. Ciò ha suscitato preoccupazione in un...

E-mobility

Innovazioni importanti nel campo dell'e-mobility Chi crede nell’innovazione e nella trasformazione digitale non ha difficoltà ad applicare questo ragionamento anche per ciò che riguarda le...

Protagonisti della scena green

Le Nazioni Unite e l’Agenda 2030 hanno chiesto che si aumenti il riciclo e il reimpiego di acqua riducendo così l’inquinamento e il rilascio...

Vuoi avere le notizie aggiornate ogni mercoledi?

Iscriviti alla newsletter

LinkedIn
LinkedIn
Share