TURISMO

Calabria anni 30

30/07/2018
di Redazione

Come veniva presentata la Calabria? Come la si raccontava? Così:

La Calabria si stacca dall’imponente barriera montana del Pollino, che la separa dalla Lucania e si prolunga per 248 km fra lo ionio ed il tirreno sino a Capo Spartivendo occupando una superficie di 15075 kmq.

La Calabria lunga lingua di terra, protesa con le sue montagne centrali, tra due mari, quasi a stendere la mano alla Sicilia.

Per questa sua peculiare conformazione, presenta, come poche regioni d’Italia, panorami di una incomparabile bellezza e vastità. Nell’interno, a brevi passi dalle coste, s’ergono ripidi monti con carattere alpestre, con dense e cupe selve; clima rigido d’inverno, freschissimo d’estate, le coste, invece, clima e flora assolutamente meridionale, eguali, soprattutto nella parte inferiore a quelli della Sicilia. Dalla divina Vallata del Crati a Reggio affascinante, è tutta una sequala, una fantasmagoria di marine, di colli, di monti, di costiere, che si immergono nel glauco mare e nelle quali sono qua e la incastonate, gemme preziose, le relique di grandi illustri città greche che resero famosa questa Italia antichissima. Chi voglia addentrarsi in questa regione si fermi dapprima a Cosenza, chiamata l’Atene della Calabria, ricca di monumenti e cosi via verso Catanzaro e Reggio Calabria.


← Torna all’elenco
Disclaimer: alcune foto ed immagini pubblicate sul sito sentieridigitali.it sono tratte da Internet, e pertanto il sito non ne detiene alcun diritto di autore.
Qualora il soggetto ritratto o il detentore dei diritti sia contrario alla pubblicazione, lo segnali, via mail redazione@sentieridigitali.it oppure via tel. 06-5196.6778; la redazione provvedera' tempestivamente a rimuovere il materiale indicato.

© 2007-2018 Sentieri Digitali - Reg. Trib di Roma n. 538/07
Una iniziativa editoriale di SI-IES Istituto Europeo Servizi srl
P. Iva 04032171003