GIOVANI

Coworking, un nuovo stile di lavoro low cost per i giovani

26/01/2012
di Anna Giannetti

Meno invasivo di un incubatore e più funzionale e prestigioso di un ufficio in affitto, il Coworking si presenta come un nuovo stile lavorativo, ottimo per giovani creativi freelance e per gli ideatori del settore internet, che consente nel contempo di ridurre i costi della "logistica" del lavoro e di mettere in contatto persone che possono sviluppare sinergie professionali.

Il promotore realizza un ufficio composto da postazioni singole inserite in un ampio open space, corredato da sala riunioni, cucina, palestra, angolo relax e quanto altro può essere utile per rendere la giornata di lavoro proficua e piacevole: connessioni internet veloci, attrezzature (impianti di ripresa video, computer, stampanti, videoproiettori, ecc).

Per facilitare l’incontro professionale, ogni ufficio è dedicato ad una area omogenea di attività, nell’ambito della quale le diverse competenze possono trovare opportunità di sviluppo e collaborazione integrata.

Ogni postazione viene affidata ad una persona o team di lavoro che intende realizzare un proprio progetto, per un costo che si aggira intorno ai 200-250 euro mensili: spazi di lavoro low cost che si rivelano una preziosa fonte di contatti e di potenziali sinergie con altri soggetti che abitano l'open space.

Infatti, la scelta di condividere la stessa sala serve a facilitare la conoscenza con professionisti che operano in settori attinenti e correlati, da cui possono nascere collaborazioni che potenziano e migliorano ogni singolo progetto. Il gruppo di lavoro che sta realizzando un sito web può acquisire la collaborazione di un videomaker che trasforma in filmati alcuni contenuti del sito, mentre questi può trovare nell'open space un esperto del suono che compone la colonna sonora del suo video, e così via in un infinito comporsi di inedite collaborazioni e integrazioni tra competenze.

L'esistenza di spazi comuni di lavoro e di aggregazione informale (la cucina, la palestra, l'angolo relax) favoriscono la conoscenza tra i creativi e lo scambio culturale, che poi si trasforma in un accordo lavorativo

Nato negli Usa, in Italia il coworking si sta iniziando a diffondere da pochi anni, con le prime esperienze della rete internazionale The Hub a Milano.

In Italia ne esistono ora diversi, che sono censiti nell'elenco realizzato da Foursquare all'indirizzo web:

https://it.foursquare.com/talentgardenit/list/tips

Nei prossimi giorni (il 12 febbraio) apre un nuovo luogo dove condividere i propri progetti creativi: Open Media Hub, inserito nell'ambito del Parco Telematico dell’Audiovisivo, una delle prime iniziative del Polo Europeo dell'Audiovisivo in corso di realizzazione a Formello, comune a pochi km a nord di Roma, di cui abbiamo già trattato su Sentieri Digitali nel n. 31 del 10 dicembre 2010. Esso si rivolge a videomaker, sviluppatori di servizi e applicativi web based, professionisti e freelance delle nuove tecnologie e del settore dei media. Questi potranno operare in una location che offre non solo logistica ed apparecchiature, ma la possibilità di conoscere nuovi partner con cui valorizzare il proprio progetto e “fare rete” per potenziare le proprie capacità.

La mappa della location, gestita da Tecnoconsult International srl, mostra un utilizzo ottimale degli spazi, l'esistenza di tutte le comodità che facilitano il lavoro anche nell'arco di giornate molto lunghe, in cui si vuole "staccare" per una pausa di relax senza interrompere l'attività o uscire dall'ufficio: una cucina per un veloce spuntino, una palestra per scaricare la tensione, una sala dove incontrarsi per riflettere ed effettuare un efficace brainstorming.

Il meglio della organizzazione degli uffici della Silicon Valley è stato messo a disposizione dei giovani creativi romani per un costo mensile di 250 euro: una cifra contenuta che consente di lavorare in una ambiente piacevole, costruire un proprio network di contatti professionali immediatamente fruibili e utile anche per presentarsi in modo innovativo ed efficiente nei confronti di clienti o finanziatori.

Zero investimenti, zero impegno nella gestione e mantenimento dell’ufficio, un’ottima qualità del luogo di lavoro e un’immagine dinamica e professionale da offrire all’esterno.

Un'interessante opportunità per giovani creativi che vogliono operare nella produzione di contenuti multimediali, siti web o applicazioni multipiattaforma, quali videogames e intrattenimento. Mettersi in proprio e investire su sé stessi è ora più facile.


← Torna all’elenco
Disclaimer: alcune foto ed immagini pubblicate sul sito sentieridigitali.it sono tratte da Internet, e pertanto il sito non ne detiene alcun diritto di autore.
Qualora il soggetto ritratto o il detentore dei diritti sia contrario alla pubblicazione, lo segnali, via mail redazione@sentieridigitali.it oppure via tel. 06-5196.6778; la redazione provvedera' tempestivamente a rimuovere il materiale indicato.

© 2007-2018 Sentieri Digitali - Reg. Trib di Roma n. 538/07
Una iniziativa editoriale di SI-IES Istituto Europeo Servizi srl
P. Iva 04032171003