SALUTE

Radiografie e intelligenza artificiale

16/03/2020
di Camilla Santoro

Radiografie, diagnosi, medici, Intelligenza artificiale. Oramai questi elementi si intersecano fra loro, unendo conoscenze e competenze per sviluppare un nuovo modo di vivere la medicina e i trattamenti sui pazienti. L’Intelligenza artificiale ha fatto passi da gigante e lo dimostra uno studio che ha riportato alcuni risultati sul miglioramento, anzi, meglio dire, l’accuratezza che l’IA è stata in grado di fare su uno screening mammografico per il rilevamento di un tumore o meno. Il lavoro scientifico è di estrema rilevanza poiché riesce ad individuare i falsi positivi e i falsi negativi, ovvero non più diagnosi sbagliate.
 
Lo studio è di alcuni ricercatori di Google Health realizzato in collaborazione con il Cancer Research dello UK Imperial Centre, la Northwestern University in Illinois e il Royal Surrey County Hospital. Per rendere questa analisi possibile, è stata data una quantità di dati pari a circa 76.000 donne nel Regno Unito e 15.000 mila negli Stati Uniti. I dati erano tutti anonimi e l’IA li ha scandagliati uno ad uno con l’algoritmo che è stato elaborato che ha dato poi i suoi “frutti”, identificando quante donne avessero il cancro. Questo modello è certamente una fonte importante di supporto nei processi diagnostici, riducendo per l’appunto i falsi negativi e permettendo quindi di poter agire immediatamente con le cure necessarie per sconfiggere la malattia.
 
Ma c’è qualcuno che fa un altro tipo di osservazione e si tratta di una ricercatrice capo dell’American College of Radiology che tratta molto il tema delle “mammografie digitali”, la quale sostiene che in realtà non è sufficiente come risultato poiché è stata considerata solo una determinata fascia d’età e la popolazione presa in considerazione per lo studio non è bastevole poiché gli algoritmi di IA possono dipendere da popolazione a popolazione.
 
Certo, dei programmi di valutazione sono da fare, ma il percorso che si sta seguendo può portare a qualcosa di rivoluzionario anche se serve del tempo affinché. L’importante è comprendere quanto questi strumenti- algoritmi- possano aiutare il lavoro scientifico dell’uomo.
 
What do you want to do ?
New mail

← Torna all’elenco
Disclaimer: alcune foto ed immagini pubblicate sul sito sentieridigitali.it sono tratte da Internet, e pertanto il sito non ne detiene alcun diritto di autore.
Qualora il soggetto ritratto o il detentore dei diritti sia contrario alla pubblicazione, lo segnali, via mail redazione@sentieridigitali.it oppure via tel. 06-5196.6778; la redazione provvedera' tempestivamente a rimuovere il materiale indicato.

© 2007-2018 Sentieri Digitali - Reg. Trib di Roma n. 538/07
Una iniziativa editoriale di SI-IES Istituto Europeo Servizi srl
P. Iva 04032171003